Adenomiosi

Emorragia

Il sito fornisce informazioni di riferimento a solo scopo informativo. La diagnosi e il trattamento delle malattie devono essere effettuati sotto la supervisione di uno specialista. Tutti i farmaci hanno controindicazioni. È richiesta la consultazione di uno specialista!

Che cos'è l'adenomiosi?

L'endometriosi interna (adenomiosi) è una malattia dell'utero in cui l'endometrio, la sua mucosa interna, cresce in altri strati dell'organo.

L'adenomiosi è un caso speciale di endometriosi, una malattia benigna sistemica in cui le cellule endometriali iniziano a moltiplicarsi al di fuori della mucosa uterina.

In questo caso, la nuova posizione delle cellule endometriali può essere sia organi genitali interni che esterni - utero, tube di Falloppio, ovaie, vagina (endometriosi genitale) e altri organi e tessuti del corpo - tratto gastrointestinale, sistema urinario, polmoni, ombelico, postoperatorio ferite, ecc. (endometriosi extragenitale).

L'endometriosi genitale, a sua volta, è divisa in endometriosi esterna (endometriosi delle ovaie e della vagina) ed interna (adenomiosi).

Una volta fuori dalla mucosa uterina, le cellule endometriali continuano a funzionare secondo il ciclo mensile - questo provoca fenomeni infiammatori locali e quindi cambiamenti degenerativi, che violano gravemente l'attività dell'organo che hanno popolato.

Quindi, il termine "adenomiosi" significa letteralmente degenerazione ghiandolare del tessuto muscolare ("adeno" - ghiandola, "mio" - tessuto muscolare, il suffisso "oz" - alterazioni degenerative). Sotto l'influenza dell'attività delle ghiandole endometriali introdotte nel miometrio, lo strato di muscolo uterino subisce gravi cambiamenti patologici che portano alla degenerazione degli organi.

I termini "endometriosi uterina" e "adenomiosi" sono registrati nella classificazione istologica internazionale. Tuttavia, in tutta onestà, si dovrebbe notare che secondo la traduzione letterale, l'adenomiosi può essere chiamata solo una tale forma o grado di endometriosi uterina, quando compaiono gravi cambiamenti patologici nel suo strato muscolare (forma nodulare di endometriosi uterina o adenomiosi diffusa di 2-3 gradi).

Cos'è l'adenomiosi diffusa, nodulare e diffuso-nodulare dell'utero?

Adenomiosi diffusa, nodulare e diffusa-nodulare (mista) - forme morfologiche di endometriosi uterina interna.

La forma diffusa di adenomiosi rappresenta morfologicamente la presenza di sacche cieche nell'endometrio, penetrando dalla cavità uterina a diverse profondità dei suoi strati (fino alla formazione di fistole nella cavità pelvica).

La forma nodale di adenomiosi è caratterizzata dalla penetrazione dell'epitelio ghiandolare nello strato muscolare dell'utero con la formazione di nodi di diverse dimensioni. I nodi, di regola, sono multipli, pieni di sangue o liquido color cioccolato, che si forma a causa del funzionamento delle ghiandole endometriali secondo il ritmo del sanguinamento mestruale.

Molto spesso, i nodi endometriotici hanno una consistenza densa, poiché il tessuto connettivo prolifera attorno a loro. Tali nodi sono simili alle formazioni incapsulate benigne, tuttavia, le cellule endometriali possono anche trovarsi al di fuori delle crescite di tessuto connettivo simili a capsule.

La forma mista nodosa diffusa è rappresentata morfologicamente da entrambi i tipi di elementi.

Con quali segni viene determinato il grado di adenomiosi del corpo uterino?
Qual è l'adenomiosi uterina di 1, 2, 3 e 4 gradi?

La classificazione dell'adenomiosi in base al grado di prevalenza non è internazionale, ma è abbastanza conveniente, e quindi spesso si trova nella letteratura domestica, ed è effettuata in pratica.

La gravità in questa classificazione è determinata dalla profondità di penetrazione delle cellule endometriali negli strati sottostanti dell'utero (utilizzato esclusivamente in relazione alla forma diffusa di adenomiosi uterina).
I. Crescite diffuse di cellule endometriali nello strato sottomarino dell'utero.
II. Il processo patologico penetrò nello strato muscolare uterino, ma catturò non più della metà di questo strato.
III. Lo strato muscolare è coinvolto nel processo patologico di oltre la metà.
IV. La crescita delle cellule endometriali al di fuori dello strato muscolare, nella membrana sierosa dell'utero, con un'ulteriore transizione verso il peritoneo e il coinvolgimento degli organi pelvici.

Qual è il pericolo di adenomiosi (endometriosi)?

L'endometriosi è considerata iperplasia benigna (proliferazione patologica dei tessuti), poiché le cellule endometriali migrate verso altri organi e tessuti mantengono la loro struttura genetica. Tuttavia, segni come la capacità di germinare in altri organi, la tendenza a diffondersi in tutto il corpo e la resistenza a influenze esterne - lo rendono correlato a tumori maligni.

La parola "benigna" parla anche della prognosi della malattia - di norma dura anni e decenni, senza portare a un grave esaurimento del corpo e alla morte. Tuttavia, come nel caso dell'iperplasia maligna (cancro, sarcoma, ecc.), L'adenomiosi (endometriosi) è difficile da trattare in modo conservativo e le operazioni per questa patologia sono molto più estese rispetto al caso di tumori benigni, poiché è difficile da determinare il confine tra tessuto malato e tessuto sano.

La complicazione più comune dell'adenomiosi è dovuta al fatto che le cellule endometriali che funzionano secondo il ciclo mensile portano a forti emorragie, che sono piene di sviluppo di anemia acuta e / o cronica. In alcuni casi, i pazienti devono essere ricoverati in ospedale e persino operati con urgenza per emorragie potenzialmente letali.

L'adenomiosi è incline a diffondere il processo ad altri organi e tessuti, il che porta a lesioni sistemiche. Con la disposizione extragenitale delle cellule endometriali, sono possibili numerose complicazioni che richiedono un intervento medico di emergenza (ostruzione intestinale con endometriosi del tratto gastrointestinale, emotorace (riempiendo la cavità pleurica di sangue) con endometriosi polmonare, ecc.).

E infine, un altro pericolo di endometriosi in generale, e adenomiosi in particolare, è la minaccia della trasformazione genetica maligna delle cellule migrate. Tale trasformazione è molto reale, poiché qualsiasi iperplasia ha una tendenza più o meno pronunciata alla malignità e in un nuovo posto le cellule endometriali sono costrette a esistere in condizioni estremamente avverse.

Quante donne soffrono di adenomiosi?

La prevalenza dell'endometriosi è la terza tra le malattie ginecologiche (dopo lesioni infiammatorie delle appendici e dei fibromi uterini).

L'incidenza dell'endometriosi è di circa il 20-90% (secondo varie fonti). Una tale diffusione di dati digitali non dovrebbe essere sospetta. Il fatto è che molti ricercatori aggiungono a queste figure forme subcliniche (asintomatiche) della malattia. Secondo i dati clinici, l'endometriosi asintomatica rappresenta fino al 45% di tutti i casi di patologia e viene rilevata nello studio delle donne che cercano aiuto a causa della sterilità. Poiché l'endometriosi porta alla sterilità, lontano da tutti i casi, il numero di donne con endometriosi può essere solo indovinato. Da qui l'imprecisione delle cifre sulla prevalenza della patologia.

Molto spesso, l'endometriosi si verifica nelle donne in età riproduttiva, ma in alcuni casi viene diagnosticata negli adolescenti, così come nelle donne in menopausa che assumono terapia ormonale sostitutiva. In passato l'incidenza di picco era nella tarda età riproduttiva e nella premenopausa, ma c'erano lavori che confutavano questa affermazione.

Negli ultimi decenni, c'è stato un marcato aumento dell'incidenza dell'endometriosi. Ciò è spiegato, da un lato, da una violazione dello stato immunologico della popolazione sotto l'influenza di molti fattori (problemi ambientali, stress, ecc.), E dall'altro, dall'introduzione degli ultimi metodi diagnostici, che hanno aumentato notevolmente la rilevazione di forme basse e asintomatiche (laparoscopia, tomografia NMR ecografia transvaginale).

Cosa causa lo sviluppo dell'adenomiosi?

Sfortunatamente, le cause e i principali meccanismi dello sviluppo dell'endometriosi (adenomiosi) non sono ancora completamente compresi..

Con fiducia possiamo solo dire che l'endometriosi è una malattia ormono-dipendente, il cui sviluppo è facilitato da disturbi del sistema immunitario.
I fattori di rischio per lo sviluppo dell'adenomiosi includono:

  • eredità sfavorevole per endometriosi, nonché per tumori benigni e maligni dell'area genitale femminile;
  • inizio precoce o tardivo delle mestruazioni;
  • inizio tardivo dell'attività sessuale;
  • nascita tardiva;
  • nascita complicata;
  • obesità;
  • varie manipolazioni sull'utero (aborto, curettage diagnostico);
  • l'uso di un dispositivo intrauterino;
  • uso di contraccettivi orali;
  • malattie infiammatorie dell'utero e delle appendici, sanguinamento disfunzionale, soprattutto se ci sono stati interventi chirurgici e / o terapia ormonale prolungata;
  • la presenza di malattie extragenitali sistemiche (ipertensione, malattie del tratto gastrointestinale);
  • frequenti malattie infettive, reazioni allergiche, che indicano una violazione delle funzioni del sistema immunitario;
  • basso status socioeconomico;
  • lavoro fisico pesante;
  • stress, stile di vita sedentario;
  • vivere in una regione svantaggiata per l'ambiente.

Sintomi di adenomiosi uterina

Il sintomo principale e patognomico (caratteristico solo per questa malattia) di adenomiosi sono sanguinamento mestruale abbondante e / o prolungato, che porta ad anemia da carenza di ferro secondaria.

L'anemia, a sua volta, si manifesta con i seguenti sintomi:

  • debolezza;
  • sonnolenza;
  • tendenza a varie malattie infettive;
  • pallore della pelle e delle mucose visibili;
  • nei casi più gravi - mancanza di respiro con poco sforzo fisico;
  • vertigini;
  • una forte riduzione delle prestazioni e della capacità di valutare adeguatamente le proprie condizioni.

I sintomi patognomici dei sintomi dell'adenomiosi comprendono anche la comparsa di secrezioni da maculatura marrone 2-3 giorni prima dell'inizio delle mestruazioni e 2-3 giorni dopo.

Con le forme comuni di adenomiosi, può svilupparsi la metrorragia - sanguinamento uterino che si verifica a metà del ciclo mestruale.

Un altro segno caratteristico dell'adenomiosi è una sindrome del dolore che si verifica pochi giorni prima dell'inizio delle mestruazioni e, di regola, scompare 2-3 giorni dopo la sua insorgenza (dismenorrea o algomenorrea).

La natura e la gravità del dolore dipendono dalla localizzazione del processo. Si osserva una sindrome del dolore particolarmente grave con danni all'istmo uterino, nonché nel caso di adenomiosi diffusa con lo sviluppo di aderenze.

L'adenomiosi si verifica spesso con una patologia come un corno uterino aggiuntivo, in cui se si verifica l'endometriosi, la clinica può assomigliare ad un addome acuto (il sangue mestruale viene gettato nella cavità pelvica e provoca sintomi di peritonite).

Irradiando il dolore, è spesso possibile stabilire la localizzazione del processo patologico. Quindi, con una lesione dell'angolo uterino, il dolore si irradia nella corrispondente regione inguinale e con un istmo, nella vagina o nel retto.

Un altro sintomo caratteristico dell'adenomiosi è il dolore durante il rapporto, in particolare alla vigilia delle mestruazioni (più comune con danno all'istmo uterino).

Un esame clinico di pazienti con adenomiosi determina un aumento dell'utero, particolarmente pronunciato prima delle mestruazioni e nei primi giorni del ciclo mestruale. La forma diffusa è caratterizzata da un utero "sferico". Con l'adenomiosi nodulare, a volte è possibile sondare i nodi.

Va notato che la gravità dei sintomi dell'adenomiosi in una certa misura dipende dal grado di prevalenza del processo. Quindi, l'adenomiosi diffusa di 1 ° grado è una scoperta accidentale durante l'esecuzione di determinati esami ed è asintomatica. Tuttavia, con l'adenomiosi diffusa di 2 ° e 3 ° grado, nonché con la forma nodulare di adenomiosi, la gravità dei sintomi clinici non coincide sempre con il grado di prevalenza del processo e la dimensione dei nodi.

Come procede l'adenomiosi in combinazione con mioma uterino?

La probabilità di una combinazione di adenomiosi con mioma uterino è molto alta (fino all'85%, secondo alcuni autori), il che è spiegato da meccanismi simili per lo sviluppo di queste patologie.

Un aumento dell'utero in tali casi, di regola, corrisponde alla dimensione dei fibromi. La dimensione dell'organo non ritorna normale dopo le mestruazioni, come nel caso dell'adenomiosi diffusa isolata.

Tuttavia, i restanti sintomi di adenomiosi in combinazione con mioma non subiscono cambiamenti pronunciati. Un'eccezione sono i fibromi uterini con una disposizione sottomucosa dei nodi, in questi casi si osserva un forte sanguinamento uterino aciclico.

La combinazione di adenomiosi con mioma uterino è difficile da trattare in modo conservativo, quindi è con questa combinazione di patologie che ai pazienti viene spesso consigliato di decidere su un'isterectomia (rimozione dell'utero).

Segni di una combinazione di adenomiosi con endometriosi ovarica

L'adenomiosi è spesso combinata con l'endometriosi ovarica, che è spiegata dalla diffusione del processo dalla cavità uterina a loro. Molti ricercatori suggeriscono che la formazione di proliferazioni endometriali nelle ovaie è associata al lancio di sangue mestruale attraverso le tube di Falloppio contenente cellule endometriali viventi proliferanti.

Secondo la prevalenza del processo, si distinguono quattro gradi di endometriosi ovarica:
I. Puntare i punti focali dell'endometriosi sulla superficie dell'ovaio e sul peritoneo, nella rientranza tra l'utero e il retto.
II. Cisti unilaterale endometroide di dimensioni non superiori a 6 cm, processo adesivo nell'area delle appendici dell'utero senza coinvolgimento intestinale.
III. Cisti endometroidi bilaterali di dimensioni fino a 6 cm, aderenze pronunciate con coinvolgimento intestinale.
IV. Grandi cisti bilaterali, il processo di transizione verso la vescica e l'intestino crasso, un processo adesivo comune.

Con la diffusione dell'endometriosi dalla cavità uterina alle ovaie, un intero gruppo di sintomi unisce i segni di adenomiosi.

Prima di tutto, il dolore si trasforma. A differenza dell'adenomiosi, il dolore ha un carattere costante e periodicamente crescente. Il massimo aumento del dolore è caratteristico dell'inizio delle mestruazioni e del periodo di ovulazione (l'uscita di un uovo maturo da un follicolo nel mezzo del ciclo mestruale). Il dolore con endometriosi ovarica è localizzato nell'addome inferiore, nella proiezione dell'utero, fa male o tira in natura, viene dato alla regione lombare, all'osso sacro e al retto.

Per l'adenomiosi, unita all'endometriosi ovarica, la sindrome premestruale pronunciata è più caratteristica, spesso accompagnata da nausea, vomito, estremità fredde, una forte riduzione della capacità lavorativa. Nei primi giorni delle mestruazioni, sono possibili condizioni subfebrilari, una modifica dei parametri di laboratorio di un esame del sangue generale (un aumento del numero di leucociti e di VES).

Con lo sviluppo del processo adesivo, la comparsa di disturbi dell'intestino e della vescica (costipazione, minzione frequente e dolorosa).

Durante un esame clinico, la palpazione delle appendici rivela il loro aumento e dolore, a volte è possibile sondare le cisti ovariche endometriotiche. Le cisti vengono sondate, di regola, con dimensioni superiori a 6 cm sul lato e / o sul retro dell'utero, come formazioni tumorali di consistenza densamente elastica, immobili a causa dello sviluppo di aderenze, fortemente dolorose, specialmente alla vigilia e durante le mestruazioni.

Per una diagnosi accurata, sono necessari gli stessi tipi di studi dell'adenomiosi isolata.

Sulla base di quali studi sono stati diagnosticati con adenomiosi?

Di fondamentale importanza per la diagnosi corretta è la raccolta di un'anamnesi con la determinazione dell'esistenza di fattori di rischio in un dato paziente (ereditarietà sfavorevole, manipolazioni chirurgiche sull'utero, varie malattie somatiche, ecc.) E analisi dei reclami (mestruazioni pesanti e / o prolungate accompagnate da una pronunciata dolore, dolore durante il rapporto sessuale, sintomi di anemia).

Quindi il medico esegue un esame fisico (esame su una sedia ginecologica), durante il quale, in caso di adenomiosi, di norma viene rilevato un allargamento sferico dell'utero, corrispondente a 8-10 settimane di gravidanza (raramente più). L'ispezione viene eseguita meglio alla vigilia delle mestruazioni, perché in questo momento è più evidente un aumento dell'utero. Con la forma nodulare di adenomiosi, è spesso possibile sondare i nodi o la tuberosità della superficie uterina.

Di norma, un'anamnesi approfondita presa con l'analisi dei dati, integrata da un esame fisico, consente di effettuare correttamente una diagnosi preliminare di endometriosi uterina interna (adenomiosi).

Per chiarire la diagnosi, in particolare per determinare la localizzazione e l'estensione del processo, vengono condotti ulteriori studi strumentali per risolvere il problema di ulteriori tattiche di trattamento per il paziente.

Il gold standard per il test di sospetta adenomiosi è la scansione ad ultrasuoni. Inoltre, vengono spesso utilizzati metodi di esame come la risonanza magnetica nucleare, l'isterosalpingografia e l'isteroscopia..

Quali sono gli echi dell'adenomiosi??

Tra tutti i tipi di ecografia (ultrasuoni), l'ecografia transvaginale è la più informativa nell'adenomiosi. L'accuratezza diagnostica con questo metodo di esame supera il 90%.

Se sospetti l'adenomiosi, è meglio condurre un'ecografia alla vigilia delle mestruazioni (nei 23-25 ​​giorni del ciclo).

Nel corso degli anni di sviluppo della diagnostica ecografica, sono stati generalmente riconosciuti i seguenti echi patognomici dell'endometriosi interna (adenomiosi) dell'utero:
1. Un aumento della dimensione antero-posteriore dell'utero, a seguito del quale l'organo acquisisce una forma sferica.
2. Un aumento dell'utero fino a 6 settimane di gravidanza o più.
3. Asimmetria dello spessore della parete.
4. La comparsa alla vigilia delle mestruazioni nella membrana muscolare dell'utero dell'utero delle cavità cistiche con dimensioni di 3-5 mm o più.

Quale trattamento è prescritto per l'adenomiosi uterina?

L'adenomiosi non è una sofferenza di un organo separato, ma una malattia sistemica cronica del corpo. Pertanto, nel trattamento della patologia, è necessario un approccio puramente individuale, che tenga conto di tutti i meccanismi di insorgenza e sviluppo della malattia in un particolare paziente.

Pertanto, quando si sceglie un metodo di terapia, vengono presi in considerazione molti fattori, principalmente:

  • l'età della paziente e il suo desiderio di avere figli in futuro;
  • localizzazione e prevalenza del processo patologico;
  • la gravità del quadro clinico e il rischio di complicanze;
  • condizioni generali del corpo (presenza di malattie concomitanti, stato del sistema immunitario, ecc.);
  • durata dell'adenomiosi.

Tutte le misure mediche per combattere l'adenomiosi possono essere classificate come segue:
I. Trattamento chirurgico:
  • radicale (rimozione dell'utero e delle ovaie);
  • conservazione degli organi (laparoscopia ed escissione dei focolai endometroidi).

II. Trattamento conservativo:
  • terapia ormonale;
  • terapia antinfiammatoria non specifica;
  • farmaci sedativi (sedativi);
  • terapia vitaminica;
  • mantenimento della funzionalità epatica;
  • eliminazione dell'anemia;
  • immunomodulatori;
  • terapia assorbibile;
  • fisioterapia.

III. Trattamento combinato.

L'algoritmo generale per il trattamento dei pazienti con adenomiosi è il seguente: prima di tutto, viene prescritto un trattamento conservativo e se è inefficace o se ci sono controindicazioni all'uso di farmaci ormonali, si rivolgono ai metodi chirurgici di trattamento.

Negli ultimi anni, le operazioni endoscopiche che preservano gli organi sono state utilizzate con successo per il trattamento di pazienti in età riproduttiva. Le principali indicazioni per la loro condotta sono:

  • adenomiosi in combinazione con iperplasia endometriale;
  • cisti ovariche endometroidi funzionanti (oltre 5 cm di diametro);
  • suppurazione di appendici uterine colpite da endometriosi;
  • aderenze nell'ampolla delle tube di Falloppio (la principale causa di infertilità nell'endometriosi);
  • inefficacia della terapia ormonale (non esiste una dinamica positiva nel trattamento dei farmaci ormonali per più di 3 mesi);
  • la presenza di malattie somatiche che sono controindicazioni alla terapia ormonale a lungo termine (vene varicose e tromboflebite, grave patologia epatica, emicrania, stati depressivi, epilessia, accidente cerebrovascolare, obesità, diabete mellito, ipertensione, ecc.).

Le operazioni di conservazione degli organi non sono un metodo di trattamento radicale, poiché è impossibile isolare tutti i punti focali dell'endometriosi, tuttavia, sono il metodo di scelta per le donne che vogliono ripristinare e / o mantenere la funzione fertile.

La chirurgia radicale con rimozione dell'utero e / o delle ovaie viene eseguita se sono disponibili le seguenti indicazioni:

  • decorso progressivo della malattia nelle donne di età superiore ai 40 anni;
  • la mancanza di effetto del trattamento combinato con operazioni di conservazione degli organi;
  • una combinazione della forma nodulare di adenomiosi o adenomiosi diffusa di 3 ° grado con mioma uterino;
  • minaccia di trasformazione maligna.

È possibile curare l'adenomiosi??

L'adenomiosi è una malattia con un decorso cronicamente recidivante. Le statistiche sulle ricadute dopo un trattamento non radicale di successo (terapia conservativa, chirurgia di conservazione degli organi) sono circa del 20% all'anno. Dopo cinque anni, il numero di recidive raggiunge il 74%.

L'effetto più duraturo si osserva con l'uso combinato di metodi chirurgici (operazioni di conservazione degli organi) e conservativi (terapia ormonale) per il trattamento dell'adenomiosi, tuttavia, nella maggior parte dei casi, le ricadute sono ancora inevitabili.

La prognosi nelle donne in premenopausa è leggermente migliore, poiché con l'estinzione fisiologica della funzione ovarica, l'attività del processo si attenua.

Nei pazienti sottoposti a chirurgia radicale (rimozione dell'utero e delle ovaie), il processo non riprende.

Posso rimanere incinta con adenomiosi uterina??

L'adenomiosi è la seconda causa principale di infertilità femminile dopo malattie infiammatorie dell'area genitale femminile. E se si tiene anche conto del fatto che parte dell'adnexite cronica esacerbante (processi infiammatori nelle ovaie) è causata non da un processo infettivo, ma dall'endometriosi interna, allora la connessione tra adenomiosi e infertilità diventa evidente.

Secondo studi statistici di vari autori, l'infertilità con adenomiosi viene diagnosticata in ogni terzo o secondo caso, o anche più spesso (secondo alcuni rapporti, tra i pazienti con adenomiosi, il livello di infertilità raggiunge il 60-80%).

I meccanismi dell'insorgenza di infertilità nell'adenomiosi sono diversi nei diversi pazienti e, pertanto, la prognosi e le tattiche di trattamento saranno diverse.

Elenchiamo le cause più comuni di infertilità nei pazienti con endometriosi uterina interna (in ordine decrescente di frequenza di osservazione):
1. Violazione della funzione di trasporto delle tube di Falloppio a causa di aderenze o diminuzione della loro attività motoria, in modo tale che l'ovulo non possa penetrare dall'ovaio nella cavità uterina.
2. Cambiamenti patologici nella sfera ormonale che impediscono l'ovulazione (maturazione dell'uovo e sua uscita dal follicolo). Alcuni autori considerano questo motivo come il principale nel verificarsi dell'infertilità nell'adenomiosi.
3. Reazioni autoimmuni che portano alla disattivazione degli spermatozoi nella cavità uterina, nonché a prevenire l'impianto di un uovo fecondato e l'ulteriore sviluppo dell'embrione.
4. Interruzione della gravidanza nelle prime fasi a causa della maggiore contrattilità del miometrio causata da fenomeni infiammatori nello strato muscolare dell'utero.
5. Dolore durante il rapporto sessuale, rendendo difficile il sesso regolare.

Spesso, l'infertilità nell'adenomiosi può essere causata da diversi motivi contemporaneamente, quindi è necessario un trattamento complesso a lungo termine per ripristinare la funzione riproduttiva. Il successo della terapia dipende fortemente dalla durata del periodo di infertilità. Quindi, i migliori risultati si ottengono se la sua durata non supera i 3 anni.

Pertanto, l'adenomiosi porta molto spesso alla sterilità, tuttavia un trattamento completo e tempestivo offre possibilità di ripristinare la capacità di concepire.

Adenomiosi e gravidanza. Ci sono possibilità di sopportare e dare alla luce un sano
bambino?

Quali sono i modi popolari per trattare l'endometriosi interna
(adenomiosi) dell'utero? È possibile curare la gente dell'adenomiosi
si intende?

Esistono molti metodi diversi di trattamento alternativo dell'adenomiosi, alcuni di essi sono riconosciuti come medicina ufficiale e possono essere inclusi nel complesso trattamento della patologia.

Tuttavia, la rete e nella vera letteratura quasi medica contengono molti suggerimenti inutili e persino estremamente dannosi, quindi prima di utilizzare una delle ricette popolari per il trattamento dell'adenomiosi, è necessario consultare un medico. In nessun caso è possibile sostituire il trattamento prescritto da un medico con metodi alternativi.

L'adenomiosi è una malattia soggetta a ricadute, quindi è molto difficile curarla completamente, sia con l'aiuto della medicina ufficiale che di quella tradizionale.

Tuttavia, la medicina ufficiale garantisce che il complesso trattamento dell'endometriosi uterina interna può migliorare la qualità della vita, sospendere il processo e minimizzare il rischio di complicanze. Con l'inizio tempestivo di una terapia adeguata, le possibilità di mantenere la funzione riproduttiva sono piuttosto elevate.

Pertanto, con l'adenomiosi, dovresti prima chiedere aiuto alla medicina ufficiale. È possibile utilizzare i metodi di trattamento tradizionali approvati dalla medicina tradizionale per il trattamento dell'adenomiosi dopo aver consultato il medico.

adenomiosi

L'adenomiosi uterina è una malattia comune del sistema riproduttivo femminile, la cui essenza è la germinazione della mucosa dell'organo genitale nel miometrio. Lo strato muscolare in questo caso diventa irregolare, irregolare, con aree di compattazione singole o multiple. La presenza di questi difetti porta al fallimento del corpo, influisce negativamente sull'abilità sessuale e sullo stato riproduttivo delle donne. Nonostante l'origine benigna della condizione, il rischio di complicanze non è escluso. Possibile ricaduta della malattia.

Adenomiosi ed endometriosi: qual è la differenza?

Nella localizzazione del processo patologico. Con l'endometriosi, lo strato di muco uterino cresce fuori dal corpo. Può anche estendersi alla cavità addominale. Con l'adenomiosi, l'endometrio cresce nei muscoli dell'utero. La profondità della germinazione nei diversi casi clinici è diversa.

Classificazione

A seconda della profondità della lesione, l'adenomiosi dell'utero è di 1, 2, 3 e 4 gradi. Le caratteristiche di ciascuno di essi:

  • 1 grado del processo: la germinazione dell'endometrio nello strato uterino muscolare non supera 1/3 del suo spessore. Un fattore predisponente è una violazione dell'apporto di sangue all'organo genitale femminile, che si osserva durante le mestruazioni. Un fattore concomitante è un aumento della concentrazione di estrogeni nel sangue. Già con il primo grado della malattia, lo stato di immunità di una donna è significativamente indebolito.
  • 2 ° grado del processo: la germinazione dell'endometrio nello strato muscolare raggiunge ½ dello spessore del miometrio. Il sintomo predominante di questa fase del processo patologico è la comparsa di perdite vaginali marroni nel periodo intermestruale. Inoltre, una donna ha contemporaneamente diversi disturbi del sistema autonomo: mal di testa, nausea, aumento della temperatura corporea generale.
  • 3 gradi del processo: la germinazione dell'endometrio nello strato muscolare supera ½ dello spessore totale del miometrio. In questa fase, il paziente nota un grave disagio nella regione sovrapubica.
  • 4 ° grado del processo: l'endometrio cresce nello strato muscolare dell'utero, continua a diffondersi nei tessuti della cavità addominale. Il sintomo predominante è il dolore.

A seconda della localizzazione del processo patologico, si verifica l'adenomiosi della cervice e del corpo di questo organo. Secondo il tipo di progressione del processo patologico, la malattia assume una forma focale, nodale o diffusa. Nel primo caso, le cellule endometriali contengono segmenti separati e limitati dello strato muscolare dell'utero, nel secondo caso le neoplasie sono simili ai piccoli fibromi. La forma diffusa del disturbo è caratterizzata dall'assenza di chiari confini nella germinazione dell'endometrio. Ampie guarnizioni senza contorni pronunciati sono visualizzate all'interno delle pareti uterine.

Sintomi

Le manifestazioni cliniche dell'adenomiosi uterina non sono praticamente diverse dai sintomi associati all'endometriosi. Il paziente è preoccupato:

  • Dolore a riposo, durante l'intimità, durante le mestruazioni.
  • Irregolarità mestruali: le mestruazioni si verificano in discrepanza con le normali date, la quantità di perdita di sangue supera della metà il tasso consentito.
  • La presenza di grossi coaguli nel sangue secreto. In apparenza, i frammenti assomigliano al fegato.
  • Tutti i segni corrispondenti allo sviluppo di anemia. L'anemia è una conseguenza delle mestruazioni pesanti e prolungate. Sintomi di anemia: diminuzione della pressione, debolezza, comparsa di ferite e crepe vicino alla bocca, vertigini, aumento della caduta dei capelli.
  • Problemi con movimenti intestinali e minzione (urgenza ritardata o aumentata). Si verificano con adenomiosi estesa, quando un utero ipertrofico situato tra il retto e la vescica comprime gli organi.

Altri sintomi di adenomiosi sono gli squilibri ormonali e la conseguente diminuzione della libido, irritabilità, disturbi del sonno e altri sintomi neurologici.

Le cause

Esistono circa 10 fattori principali, la cui presenza aumenta il rischio di sviluppare adenomiosi. Ma le cause dirette della germinazione dell'endometrio nello strato uterino muscolare non sono state ancora stabilite. I ginecologi hanno determinato che la patologia si verifica con uguale frequenza sia nel parto che in donne nullipare. Inoltre, i limiti di età dei pazienti con casi identificati di adenomiosi uterina hanno 18-55 anni. Questo fattore consente di associare la probabilità di sviluppare la malattia con lo stato del background ormonale e l'attività sessuale..

Nessuna gravidanza fino a 30 anni

Influisce negativamente sullo stato dell'equilibrio ormonale. Se una donna non ha una storia ostetrica e non ha una vita sessuale regolare, il rischio di sviluppare adenomiosi raddoppia.

Escissione tubarica

Nelle donne sottoposte a intervento chirurgico per rimuovere una o entrambe le tube di Falloppio, la probabilità di proliferazione dell'endometrio nello strato muscolare dell'utero è elevata. In questo caso, il periodo di limitazione dell'intervento chirurgico non ha importanza.

Tarda prima nascita

Dopo 30 anni, il corpo di una donna subisce alcuni cambiamenti. Colpiscono l'aspetto della struttura degli organi. Di conseguenza, può verificarsi un riarrangiamento nelle cellule del tessuto uterino. Il motivo è il seguente: per le donne di età superiore ai 40 anni, il parto è un peso.

Aborto o aborto spontaneo

I casi passati di aborto influenzano negativamente la struttura dell'utero e lo sfondo ormonale di una donna. Il corpo è preparato per sopportare il feto dopo la fecondazione: le ghiandole saturano il sangue con un'alta concentrazione di sostanze biologicamente attive. Questi ormoni contribuiscono all'ispessimento dell'endometrio, possono contribuire allo sviluppo dell'adenomiosi. Inoltre, durante il curettage della cavità uterina, si verifica un danno ai suoi strati, che serve come condizione favorevole per la crescita dell'endometrio. Per molti aspetti, dipende dalle azioni del ginecologo mentre lavora con lo strumento..

Chirurgia uterina

Interventi chirurgici posticipati suggeriscono una violazione dell'integrità dell'organo genitale. Immediatamente durante l'operazione, le particelle endometriali cadono nelle sezioni di dissezione dei tessuti, si attaccano e crescono lì. Il processo dura da 2-3 mesi a diversi anni. Spesso, una donna viene a conoscenza della presenza di patologia solo durante un esame di infertilità o altri problemi associati al sistema genito-urinario.

Lavoro traumatico e prolungato

In entrambi i casi, la struttura dell'endometrio è disturbata, il che aumenta il rischio di una sua proliferazione incontrollata. Inoltre, il parto gravato comporta danni multipli ai tessuti degli organi genitali: il corpo dell'utero, la sua regione cervicale, il canale cervicale. La violazione dell'integrità della mucosa uterina e dello strato muscolare porta all'ingresso delle cellule endometriali nelle ferite risultanti. Lì, le particelle endometriali crescono, dividono e condensano le pareti dell'organo.

Sovrappeso e obesità

L'eccesso di peso da solo non costituisce una minaccia per lo sviluppo dell'adenomiosi uterina. Il rischio di proliferazione endometriale nei muscoli dell'organo genitale aumenta a causa di uno squilibrio ormonale, problemi con il sistema endocrino, che provoca l'obesità.

Cisti ovarica

Una neoplasia benigna di un organo femminile associato contribuisce allo squilibrio degli estrogeni nel corpo. Il motivo è il fallimento delle ovaie, che producono sostanze biologicamente attive in quantità insufficienti. Lo squilibrio ormonale è una condizione favorevole per la formazione di focolai di adenomiosi.

Uso a lungo termine di contraccettivi ormonali

L'uso prolungato di contraccettivi orali influisce negativamente sull'attività ovarica. I farmaci inibiscono la produzione di ormoni, che porta allo sviluppo del loro squilibrio nel corpo. Questo diventa una condizione favorevole per la germinazione dell'endometrio nello strato muscolare dell'utero. Per ridurre al minimo il rischio di sviluppare questa complicazione, non è consigliabile utilizzare contraccettivi orali senza prescrivere un medico o superare il dosaggio prescritto da lui.

Predisposizione ereditaria

Uno dei fattori causali comuni per lo sviluppo dell'adenomiosi uterina. La malattia si verifica a causa di una mutazione genetica. Se i parenti stretti hanno sofferto di una malattia ginecologica del tipo in questione, essendo all'appuntamento dal medico, è necessario informare lo specialista su questo fattore.

Possibili complicazioni

L'adenomiosi può portare a conseguenze aggravanti associate allo stato di salute o allo sviluppo fetale di una donna. Sullo sfondo della germinazione endometriale nello strato uterino muscolare, il paziente può manifestare:

  • Processo adesivo all'interno degli organi pelvici e della cavità addominale. Promuove lo sviluppo della gravidanza extrauterina, l'ostruzione intestinale.
  • Infertilità dovuta a squilibrio ormonale, insufficienza uterina.
  • Diminuzione della libido (una conseguenza dello squilibrio ormonale nel corpo).
  • Anemia come conseguenza di una massiccia perdita di sangue.
  • Aborto spontaneo. Il risultato di errata capacità uterina contrattile, insufficienza endometriale.

Inoltre, la malattia comporta la comparsa di problemi psicologici, che è associato a un generale deterioramento del benessere, infertilità. Raramente, la crescita dell'endometrio nello strato muscolare dell'utero porta allo sviluppo di una neoplasia maligna di questo organo. Tuttavia, gli esperti non hanno stabilito una relazione diretta tra l'aspetto dei due processi..

Gravidanza con adenomiosi

La presenza di focolai di compattazione all'interno delle pareti uterine influisce negativamente sulla contrattilità dell'organo. Con l'adenomiosi, il rischio di non avere un bambino aumenta a causa di distacco della placenta. L'incapacità dell'organo genitale di allungarsi in base alla crescita e allo sviluppo del feto porta a una gravidanza che affonda. Le donne con adenomiosi che hanno avuto un bambino senza la comparsa di complicanze concomitanti ricevono un taglio cesareo. Spesso, i fuochi patogeni vengono eliminati immediatamente dopo l'estrazione fetale.

Quale medico contattare

Quando compaiono i sintomi principali - dolore, irregolarità mestruali - è necessario visitare un ginecologo-endocrinologo. L'eliminazione delle malattie del sistema riproduttivo femminile, che comprende l'adenomiosi uterina, viene effettuata da un medico di questo profilo. Il medico prescriverà la quantità di ricerca necessaria, quindi tratterà il trattamento. Oltre all'uso di altri metodi, comporta il passaggio della terapia ormonale.

Diagnostica

Per escludere la presenza di altre patologie e fare una diagnosi affidabile, il medico indirizza il paziente a sottoporsi a una diagnosi approfondita. I tipi più informativi di questo:

  • Esame del sangue clinico.
  • Analisi generale delle urine.
  • RM o TC.
  • Coagulazione del sangue.
  • Urina da forno (consente di identificare la microflora patogena presente nel corpo in forma latente).
  • Esame del sangue biochimico, livelli ormonali.
  • Esame ginecologico.
  • Ultrasuoni dell'utero e appendici.
  • Sondaggio. In questa fase, è importante che una donna riporti tutte le operazioni, le malattie e i casi di aborto.
  • Isteroscopia (esame delle condizioni dell'utero).
  • Laparoscopia. Un metodo per esaminare la cavità pelvica introducendo strumenti speciali dotati di una fotocamera microscopica.
  • Biopsia seguita da esame istologico. Il medico rifiuta una piccola particella della neoplasia, la mette in una soluzione speciale, invia un campione di tessuto per l'analisi. Lo scopo dello studio è di escludere l'origine maligna dei nodi.

Il medico può prescrivere altri tipi di diagnostica, che è associata alle caratteristiche del caso clinico..

Trattamento

Dipende direttamente dallo stadio dell'adenomiosi, poiché quando si pianifica il programma di trattamento ottimale, viene presa in considerazione la profondità della germinazione dell'endometrio nello strato uterino muscolare.

La terapia conservativa prevede:

  • Il corso del trattamento ormonale. Prescrivere i contraccettivi orali.
  • Amministrazione analgesica.
  • Ricezione di immunomodulatori.
  • Terapia vitaminica.
  • L'uso di farmaci antinfiammatori non steroidei.

La terapia conservativa consente di interrompere le sensazioni spiacevoli nell'area sovrapubica, normalizzare il ciclo mestruale, rafforzare le proprietà protettive del corpo. Inoltre, i farmaci usati come parte del trattamento medico, il corretto equilibrio ormonale, sopprimono i processi infiammatori intrauterini.

Durante il corso della terapia, si raccomanda al paziente di seguire una dieta. La sua essenza è il rifiuto di cibi pesanti, che consente di non sovraccaricare l'intestino (con il sovraffollamento, comprime l'utero e il dolore si intensifica). Eliminazione chirurgica delle lesioni dell'organo genitale femminile - una misura necessaria per l'inefficacia dell'effetto conservativo sul problema di salute.

L'operazione viene eseguita anche con la rapida crescita delle neoplasie intrauterine. Durante l'intervento chirurgico, viene eliminata solo la lesione o l'intero utero. Dipende dalla forma della malattia, dalla salute generale della paziente, dai suoi piani per la nascita dei bambini. Nonostante il trattamento conservativo e i tentativi di eliminare la malattia in modo minimamente invasivo, nell'80% dei casi di adenomiosi si verificano ancora indicazioni per la completa rimozione dell'organo.

Prevenzione

Per ridurre al minimo il rischio di sviluppare adenomiosi, una donna dovrebbe:

  1. Mantenere una vita sessuale costante, evitare intervalli eccessivamente lunghi tra le intimità.
  2. Evitare di utilizzare il dispositivo intrauterino più a lungo dell'uso previsto.
  3. Non assumere contraccettivi orali senza il consenso del ginecologo-endocrinologo.
  4. Se non vuoi rimanere incinta, usa la contraccezione. Non creare la necessità di un aborto.

L'adenomiosi uterina è una malattia comune del sistema riproduttivo femminile. Le ragioni della crescita dell'endometrio non sono esattamente stabilite. Gli specialisti hanno determinato solo un numero di fattori, la cui rilevanza, il paziente rientra nel cosiddetto gruppo a rischio per il verificarsi di una violazione. Con una predisposizione ereditaria allo sviluppo di questa patologia, una donna non dovrebbe visitare un ginecologo ogni 3 mesi per riabilitare l'organo riproduttivo. Il trattamento può essere conservativo o chirurgico, un tipo specifico di intervento è prescritto da un medico.

Adenomiosi uterina: cos'è, trattamento, cause, sintomi, segni, foto

L'adenomiosi uterina è un processo patologico cronico che si sviluppa nelle giovani donne in età riproduttiva. Molto spesso, la malattia è registrata all'età di 27-30 anni. In termini di prevalenza, è seconda solo ad annessite e fibromi uterini..

Ora soffermiamoci su questo in modo più dettagliato..

Che cos'è l'adenomiosi uterina??

Il termine adenomiosi uterina definisce un processo patologico che è accompagnato dalla diffusione dell'endometrio (lo strato interno della parete uterina, che svolge importanti funzioni) ad altri strati della parete dell'organo. Si ritiene che la malattia abbia un'origine ormonale ed è associata a uno stato funzionale alterato di vari organi del sistema riproduttivo (ghiandole surrenali, ghiandola pituitaria, ovaie, ghiandola tiroidea). Le cellule della mucosa localizzate in altri strati della parete uterina rispondono anche ai cambiamenti ciclici nello sfondo ormonale nel corpo di una donna associato alle mestruazioni. Ciò porta a reazioni negative nella parete uterina..

I cambiamenti ciclici nelle cellule endometriali localizzate al di fuori della mucosa portano a danni ai tessuti e allo sviluppo di una reazione infiammatoria. Ciò non accade immediatamente, di solito per un periodo di tempo sufficientemente lungo. Il danno tissutale causato da cambiamenti ciclici nell'endometrio avvia l'accumulo di cellule immunocompetenti che producono composti biologicamente attivi (mediatori infiammatori), che hanno diversi effetti patofisiologici nell'utero:

  • Irritazione delle terminazioni nervose, comprese le fibre del sistema nervoso autonomo. Ciò porta a disagio, nonché a cambiamenti funzionali..
  • Aumento della permeabilità delle pareti dei vasi sanguigni al centro dell'infiammazione, che porta al rilascio del plasma sanguigno nella sostanza intercellulare con edema tissutale.
  • Aumento dell'afflusso di sangue ai tessuti.

Sullo sfondo del processo infiammatorio nei tessuti contenenti cellule endometriali, il rischio di infezione batterica secondaria è significativamente aumentato. Allo stesso tempo, il corso del processo patologico diventa più grave, possono apparire focolai purulenti nei tessuti, che sono un accumulo di batteri morti, tessuti e cellule immunitarie. Il risultato del lungo sviluppo del processo patologico è lo sviluppo di disturbi funzionali nel sistema riproduttivo della donna, che possono essere irreversibili.

Che aspetto ha l'adenomiosi uterina con una foto?

L'adenomiosi uterina è una malattia che non presenta evidenti manifestazioni esterne. La visualizzazione delle modifiche viene effettuata utilizzando uno studio diagnostico aggiuntivo, inclusa un'ecografia dell'utero, tra cui:

  • Violazione della struttura delle pareti dell'utero, che ha l'aspetto di "favi d'api".
  • Spessore della parete uterina diverso.
  • Visualizzazione della striatura lineare, appare un gran numero di strisce.
  • Aumento delle prestazioni di varie dimensioni dell'utero.
  • Determinazione di un aumento significativo dell'ecogenicità degli strati delle pareti dell'utero, che sono localizzati più vicino alla sonda ad ultrasuoni.

Una parete di papaveri, che contiene noduli adenomiotici, è sempre più spessa dei tessuti sani. La diagnosi viene fatta dopo un'ecografia dell'utero in base a una serie di criteri. Altri metodi di ricerca sono anche prescritti, tra cui esami del sangue clinici, esami delle urine, isteroscopia (esame delle pareti dell'utero mediante un dispositivo di isteroscopio ottico). In base al numero e alla dimensione dei fuochi dell'endometrio nella parete uterina, che vengono determinati mediante ultrasuoni, si distinguono diversi tipi di processo patologico:

  • Adenomiosi focale: le cellule della mucosa uterina nei tessuti delle sue pareti formano singoli fuochi di piccole dimensioni.
  • Adenomiosi nodulare - si formano nodi più grandi nelle pareti dell'utero, in alcuni di essi può formarsi una cavità piena di sangue.
  • Adenomiosi diffusa: le cellule della mucosa uterina si trovano nelle sue pareti senza la formazione di nodi o focolai limitati.
  • Adenomiosi mista-nodulare mista - una malattia caratterizzata dalla comparsa di nodi, nonché da cambiamenti diffusi nei tessuti.

A seconda della gravità delle modifiche, si distinguono 4 gradi di gravità del processo patologico. Un lungo decorso della malattia è accompagnato da un significativo aumento delle dimensioni dell'utero. Alla palpazione (palpazione attraverso la parete anteriore dell'addome inferiore), viene determinata una superficie tuberosa.

I primi segni di adenomiosi uterina

L'adenomiosi uterina nelle donne nelle fasi iniziali dello sviluppo del processo patologico non ha manifestazioni cliniche. La progressione dei cambiamenti funzionali negli organi del sistema riproduttivo della donna porta a irregolarità mestruali. Il sanguinamento fisiologico si allunga, supera un periodo di 7 giorni e anche abbondante (aumenta la quantità di sangue secreto).

Spesso nelle donne, il processo patologico non si manifesta per molto tempo. È possibile sospettare una malattia solo nella fase di disturbi funzionali pronunciati, incluso lo sviluppo dell'infertilità femminile. In questo caso, una donna in età riproduttiva non può concepire un bambino per un periodo di tempo superiore a sei mesi, fatto salvo il coinvolgimento sistematico di rapporti sessuali non protetti con un partner sessuale.

Sintomi di adenomiosi uterina

Lo sviluppo dell'adenomiosi uterina è accompagnato dalla comparsa di alcune delle manifestazioni cliniche più comuni, che includono:

  • Un cambiamento nel ciclo mestruale, che è caratterizzato dal fatto che il sanguinamento fisiologico diventa più lungo e più abbondante.
  • L'aspetto del sangue coagula il flusso mestruale.
  • Dolore nell'addome inferiore, che attira la natura. Il dolore appare o si intensifica notevolmente durante le mestruazioni. L'intensità del disagio dipende dalla gravità dei cambiamenti nei tessuti, dalla presenza di una reazione infiammatoria, nonché dalla localizzazione dei nodi (l'adenomiosi con localizzazione dei nodi nella cervice è la più dolorosa). Partecipare a un'infezione batterica secondaria peggiora le condizioni della donna e porta ad un aumento del dolore.
  • La comparsa di sanguinamento intermestruale, che è una conseguenza del danno ai vasi sanguigni nella parete uterina.
  • Dispareunia: comparsa di dolore nella vagina e nell'addome inferiore.

Sanguinamento mestruale pesante e prolungato spesso porta all'anemia sideropenica. Compaiono segni caratteristici di complicanze, che includono pallore della pelle e mucose visibili, debolezza generale. Lo sviluppo di complicanze batteriche può essere accompagnato da intossicazione, che è caratterizzata da febbre, mal di testa, muscoli doloranti e articolazioni.

Cause e prevenzione dell'adenomiosi uterina

I principali meccanismi di sviluppo della malattia oggi rimangono attendibilmente poco chiari. Si ritiene che il principale fattore scatenante che porta alla comparsa di cellule endometriali nella parete uterina sia un cambiamento nei livelli ormonali. La probabilità di sviluppare un processo patologico aumenta significativamente nei casi di numerosi fattori provocatori:

  • Predisposizione ereditaria allo sviluppo dell'adenomiosi uterina, determinata dal trasferimento di alcuni geni dai genitori ai bambini.
  • Inizio precoce o tardivo del ciclo mestruale.
  • Disturbi metabolici che portano all'obesità.
  • Posticipate manipolazioni invasive sull'utero, che includono curettage diagnostico, aborto.
  • Tarda nascita, il loro corso complicato.
  • Esercizio eccessivo.
  • Stress lungo.
  • Contraccezione con l'aiuto della spirale uterina o l'uso di farmaci ormonali.
  • La presenza di patologia somatica o infettiva nel corpo di varie localizzazioni.
  • Attività motoria inadeguata di una donna.
  • Patologia infiammatoria, che colpisce vari organi del sistema riproduttivo femminile.

La conoscenza dei fattori provocatori consente di attuare misure preventive. Una buona alimentazione, riposo, limitazione degli effetti di fattori avversi, eccessivo sforzo fisico sono misure preventive non solo in relazione all'adenomiosi uterina, ma anche altre malattie del sistema riproduttivo.

Trattamento dell'adenomiosi uterina

Il trattamento dell'adenomiosi uterina è complesso. È selezionato dal medico individualmente, a seconda della forma e della gravità del processo patologico e comprende terapia conservativa o chirurgia. La terapia conservativa prevede l'uso di farmaci di vari gruppi farmacologici:

  • Farmaci ormonali utilizzati per ripristinare lo stato funzionale degli organi del sistema riproduttivo.
  • Farmaci antinfiammatori prescritti per lo sviluppo di gravi processi infiammatori.
  • Immunomodulatori che migliorano le difese dell'organismo.
  • Vitamine per la normalizzazione del metabolismo (metabolismo).
  • Antibiotici per lo sviluppo di complicanze infettive.

Quando viene rilevata l'anemia da carenza di ferro, viene eseguito un trattamento completo volto a ripristinare il livello di ferro e il numero di globuli rossi per unità di volume di sangue. Il trattamento chirurgico è prescritto per gravi processi patologici nelle donne secondo determinate indicazioni, include diverse aree:

  • Manipolazioni salva-organo - l'intervento chirurgico include tecniche minimamente invasive che mirano a distruggere i focolai dell'endometrio localizzato all'esterno della mucosa usando l'esposizione fisica (laser, corrente elettrica, ultrasuoni). La tecnica si chiama endocoagulazione dei fuochi dell'adenomiosi uterina. È particolarmente indicato per le donne nullipare ed è progettato per mantenere la funzione riproduttiva..
  • Le operazioni radicali sono interventi volumetrici che comportano la rimozione di parte o di tutto l'utero, le cui pareti contengono focolai di adenomiosi. Si distinguono diversi tipi di interventi chirurgici, tra cui resezione (rimozione parziale), amputazione sopravaginale dell'utero, isterectomia (rimozione dell'intero utero), panisteristerectomia (rimozione combinata dell'utero e delle sue appendici, comprese le ovaie). La scelta del metodo di chirurgia radicale si basa su alcuni criteri, tra cui la gravità del processo patologico, il rischio di sviluppare gravi complicanze che possono rappresentare una minaccia diretta per la vita di una donna, il rischio di diffondere focolai di adenomiosi ad altri organi del sistema riproduttivo. Prima di prescrivere un intervento chirurgico, il medico deve prescrivere un esame completo della donna.

L'uso del trattamento chirurgico dà un risultato favorevole. Per prevenire la ricomparsa dei nodi di adenomiosi uterina, vengono utilizzate misure terapeutiche e viene inoltre prescritta una terapia conservativa. Può includere un uso prolungato di farmaci, inclusi analoghi degli ormoni sessuali femminili. Eliminare completamente la ricaduta (ri-sviluppo, esacerbazione) dell'adenomiosi uterina solo dopo la rimozione chirurgica dell'utero.

L'adenomiosi uterina può avere un lungo decorso. In un certo numero di casi, a causa dell'influenza di vari fattori provocatori, è possibile un'ulteriore progressione del processo patologico con la diffusione dei fuochi dell'endometrio dalle strutture del sistema riproduttivo ad altri organi e sistemi. In questo caso, i cambiamenti ciclici (dopo la diffusione delle cellule endometriali non perdono la capacità di rispondere ai cambiamenti ciclici nello sfondo ormonale) dei focolai di adenomiosi portano a gravi danni ai tessuti e allo sviluppo di un grave processo infiammatorio di varie localizzazioni nel corpo.

La prognosi per l'adenomiosi uterina dipende dall'età della donna, dalla scelta del metodo di trattamento e dalle caratteristiche individuali del corpo. Il trattamento della malattia in giovane età richiede l'implementazione costante di misure terapeutiche e il monitoraggio del decorso del processo patologico.

Articoli Sul Ciclo Di Abusi

Nessuna ovulazione cosa fare?

Tempo di lettura: min.La questione della nascita della prole prima o poi affronta ogni donna in età riproduttiva. Ma succede così che l'inizio della gravidanza diventa impossibile a causa della mancanza di ovulazione, che porta alla sterilità....

Quando e perché il seno si gonfia durante la gravidanza, quanto tempo dopo il concepimento le ghiandole mammarie iniziano a ferire?

Perché il seno si gonfia durante la gravidanza?Il corpo femminile è strutturato in modo tale che la fecondazione dell'uovo inneschi immediatamente i processi di cambiamento in quasi tutti i suoi sistemi....

Che cos'è la sindrome premestruale nelle ragazze: come viene decodificata, i sintomi, come distinguere dalla gravidanza, il trattamento

Decodifica "PMS"La sindrome premestruale è l'abbreviazione di sindrome premestruale....