Vaginite batterica

Intimo

Vaginite batterica - cause, sintomi e regime di trattamento

La vaginite batterica è caratterizzata da un forte aumento del numero di microrganismi opportunistici. E i lattobacilli in questo caso diventano molto più piccoli. A volte si osserva la loro completa assenza. È importante che con questo tipo di malattia, il fungo candida, il trichomonas, il gonococco e altri agenti patogeni patogeni non vengano rilevati affatto.

La malattia può essere rilevata mediante esame ginecologico e prendendo strisci per analisi. Se osservato dal paziente, viene rilevata iperemia con emorragie spot lungo la mucosa vaginale, inclusa una specifica secrezione bianca. Di norma, una donna lamenta sensazioni di prurito e bruciore nell'area genitale esterna, nonché disagio durante il rapporto sessuale.

Cos'è?

La vaginite è un'infiammazione della vagina, o meglio della mucosa vaginale. Le ragioni possono essere diverse: strepto - e stafilococchi, Escherichia, Trichomonas, funghi (candida), allergie, carenza di estrogeni, irritazione chimica.

Ragioni per lo sviluppo

In base al nome della patologia, è chiaro che è causato da batteri: stafilococchi, clamidia, treponema pallido, emofilo, tubercolosi ed Escherichia coli, micoplasma, streptococchi e altri batteri.

L'infezione entra nella vagina e nel canale cervicale a seguito di:

  • scarsa igiene intima;
  • sesso con un partner infetto;
  • siringa con soluzioni non sterili o una siringa con una punta che non ha superato l'ebollizione.

In questo caso, i microbi possono inizialmente causare infiammazione della mucosa vaginale (vaginite primaria) e penetrare dall'utero infiammato (processo discendente secondario) o dai genitali esterni (vaginite ascendente secondaria o colpite).

Tipicamente, la penetrazione dei batteri nella vagina è impedita dall'acido acetico e lattico prodotto dalla sua normale microflora. Ma se si verificano uno o più eventi predisponenti, la vaginite diventa possibile:

  • malattie endocrine;
  • patologia degli organi riproduttivi;
  • danno meccanico alla vagina: durante il sesso, l'aborto, il parto;
  • malattie infettive generali che richiedono antibiotici;
  • reazioni allergiche;
  • scarso apporto di sangue agli organi riproduttivi;
  • diminuzione dell'immunità causata dal diabete mellito, assunzione di farmaci ormonali e citostatici.

Sintomi

In assenza di qualsiasi lesione nell'organo, produce la cosiddetta leucorrea: si tratta di secrezioni secretorie inodori, poco chiare o trasparenti. Non irritano le pareti della vagina stessa o i genitali esterni. Il loro numero e densità dipendono dalla fase del ciclo mestruale e dallo stato di salute della donna.

I sintomi della vaginite sono i seguenti (vedi foto):

  1. Il volume e il colore della selezione cambiano.
  2. C'è un odore sgradevole.
  3. Una donna si lamenta di prurito e bruciore nella vagina.
  4. Il dolore può comparire durante la minzione.
  5. Il dolore si verifica durante il rapporto sessuale.

L'intensità di questi segni dipende dall'immunità generale del corpo della donna malata e dai fattori che hanno causato la sconfitta e lo sviluppo della vaginite. Se appare almeno uno dei sintomi sopra elencati, una donna dovrebbe visitare un ginecologo, un ritardo nell'esame può portare alla transizione della malattia in una forma cronica.

Vaginite batterica durante la gravidanza

Durante la gravidanza, possono spesso verificarsi ulteriori cause della comparsa di vaginite batterica. Sono associati a processi ormonali, quando l'influenza degli ormoni del corpo luteo modifica il rapporto quantitativo di microrganismi nella vagina, creando le condizioni per l'insorgenza della vaginite batterica.

  1. Le pazienti in gravidanza lamentano una abbondante scarica di liquido bianco-grigiastro. La situazione più sfavorevole è quando il processo è asintomatico. Circa il 35-50% dei pazienti ha una forma asintomatica del decorso della vaginite batterica, ma con un esame approfondito rivelano tutti i segni della malattia.
  2. La vaginite batterica durante la gravidanza non può essere attribuita a malattie sicure. Le donne in gravidanza con diagnosi di vaginite batterica hanno un aumentato rischio di complicanze durante il parto. La propagazione incontrollata della flora condizionatamente patogena può provocare la comparsa di un processo infettivo ascendente, infezione intrauterina del feto, infiammazione delle membrane del corion e parto prematuro. Viene elaborato un piano individuale per tali pazienti, comprese le misure preventive e la nomina di un trattamento adeguato..

Registrate dalla presenza di gravidanza, le donne vengono sottoposte a un esame obbligatorio per la presenza di un processo patologico nella vagina tre volte - quando si registrano per una clinica di maternità per la gravidanza, per periodi di 27-30 e 36-40 settimane di gravidanza.

Diagnostica

Al fine di condurre una diagnosi accurata e prescrivere un trattamento efficace per sospetta vaginite batterica, i seguenti studi sono prescritti per una donna:

  • determinazione del livello di pH della vagina;
  • tamponi per identificare i patogeni;
  • se necessario, viene eseguita anche la diagnostica PCR.

Affinché i risultati del test siano il più precisi possibile, è necessario prepararsi nel modo giusto.

  • in primo luogo, si raccomanda di astenersi dal prendere qualsiasi farmaco.
  • in secondo luogo, non fare la doccia prima di andare dal medico, perché in questo caso lo studio potrebbe essere inconcludente. Quindi, prima di eseguire procedure diagnostiche, devi solo lavarti con acqua, senza usare alcun mezzo per l'igiene intima.

Come trattare?

Il regime di trattamento di base attualmente raccomandato per la vaginite batterica comprende farmaci di tipo imidazolo, principalmente metronidazolo o antibiotici:

  1. Metronidazolo, prodotto sotto forma di gel da 1000 mg o in supposte da 500 mg per somministrazione intravaginale. Il gel viene somministrato una volta al giorno di notte, candele - al mattino e alla sera. Il corso del trattamento è di 7-10 giorni.
  2. Dalacin, il cui principio attivo è la clindamicina solfato. Disponibile sotto forma di candele contenenti 100 mg di principio attivo e crema con un applicatore - 5 grammi di crema (un applicatore) contengono 100 mg di principio attivo. Una candela o un applicatore viene somministrato durante la notte per 3 giorni.
  3. Polygynax, che è un antibiotico combinato (neomicina con polimixina e nistatina) in capsule. Introdotto in profondità nella vagina di notte ogni giorno per 12 giorni.

Sfortunatamente, i farmaci per la vaginite batterica correlati alla serie imidazolo sono indesiderabili per l'uso in donne in gravidanza e allattamento, nonché per il trattamento o la prevenzione a lungo termine, poiché portano rapidamente alla resistenza (resistenza) dei microrganismi (nel 20%) e hanno una serie di effetti collaterali, compresi mutageni e cancerogeni.

La difficoltà nel trattamento delle donne in gravidanza è dovuta al fatto che i farmaci antimicrobici necessari non sono sicuri, specialmente nel primo trimestre di gravidanza. Inoltre, a causa del background ormonale spesso mutevole, si notano la loro bassa efficienza e frequenti esacerbazioni della vaginite batterica.

Raccomandazioni nutrizionali

Una donna potrebbe non avere alcune vitamine e minerali. Per compensare la loro carenza, vale la pena consumare il più possibile:

  • vitamina B (noci, legumi, fegato, spinaci, aglio, funghi);
  • vitamina C (olivello spinoso, ribes, arance, limoni, ecc.);
  • vitamine A ed E (patate dolci, broccoli, alghe, frutta secca, ecc.);
  • magnesio (frutti di mare, noci);
  • zinco (grano saraceno e farina d'avena, fagioli, piselli, pollame, agnello, ecc.);
  • calcio (formaggio, panna, orzo, ecc.).

Durante il trattamento della vaginite batterica, nonché per la sua prevenzione, si raccomanda di limitare l'uso di dolci e alcol, che possono aggravare la terapia.

La vaginosi batterica viene trasmessa sessualmente??

Gardnerella può essere trovata in donne e uomini, vengono trasmessi sessualmente, ma la loro trasmissione non significa sempre che una donna avrà colpite, potrebbe semplicemente essere una portatrice di infezione. Per gli uomini, gli agenti causali della vaginite batterica non sono pericolosi.

I portatori maschi di gardnerella non richiedono un trattamento, così come i partner sessuali delle donne con vaginosi batterica. Tuttavia, a condizione che non vi siano segni di infiammazione.

Lyamusik

Blog su gravidanza e genitorialità

Vaginite: forme della malattia, sintomi e trattamento

La vaginite è qualsiasi malattia infiammatoria della vagina. Quasi ogni donna in età riproduttiva soffre almeno una volta di questo tipo di malattia. Sulla base di questo, la colpite è una delle cause più comuni di contatto con un ginecologo.

Perché si sviluppa la vaginite??

Le cause della colpite sono strettamente correlate alle condizioni della microflora della vagina della donna. In una donna in buona salute in età fertile, la microflora è piena di lattobacilli e non un gran numero di microrganismi opportunistici. A loro volta, i batteri patogeni non possono causare danni significativi alla vagina a causa del suo piccolo numero. I lattobacilli nel corpo di una donna proteggono i genitali dalle infezioni. Ecco perché il loro numero dovrebbe sempre superare altri tipi di batteri nel corpo.

Con una situazione sfavorevole nella vagina, il numero di lattobacilli diminuisce. Di conseguenza, il pH aumenta e consente ai patogeni di moltiplicarsi. Di conseguenza, meno lactobacilli diventano, più spazio per i microbi patogeni contro i quali si forma un processo infiammatorio.

Quali forme di colpite esistono?

Le cause della vaginite possono essere diverse e ciò non è sempre dovuto a microrganismi patogeni. Qualsiasi fattore che può danneggiare le pareti della vagina porta alla vaginite. Ad esempio, una delle cause più comuni è il sesso violento o l'uso di prodotti per l'igiene di scarsa qualità.

allocare:

  • vaginosi batterica;
  • vaginite non specifica;
  • candidosi vaginale;
  • infiammazione vaginale con tricomoniasi.

Vaginite batterica

La vaginite batterica (vaginosi) è una sindrome che si verifica quando la normale microflora della vagina (lattobacilli) viene sostituita da microrganismi opportunistici. Secondo i dati pubblicati, la malattia viene rilevata nel 30% dei pazienti di mezza età.

Inizialmente, si riteneva che la malattia causasse la gardnerella (da cui il nome della malattia in passato - gardnerellosi), ma è stato successivamente stabilito che questa patologia si sviluppa proprio a causa dello squilibrio microbico. I lattobacilli diminuiscono e moltiplicano attivamente la gardnerella, i micoplasmi, i peptostreptococchi, i fusobatteri, ecc..

La causa della patologia può essere l'uso prolungato di antibiotici, contraccettivi, squilibrio ormonale, riduzione dell'immunità, relazioni sessuali promiscue.

Clinicamente manifestato dalla comparsa di abbondante scarico grigio dalla vagina con un odore sgradevole di pesce, il dente e la sensazione di bruciore sono disturbati localmente..
La diagnosi viene fatta sulla base di lamentele e durante l'esame microscopico di strisci dalla vagina: vengono determinate le cellule "chiave" caratteristiche, l'ambiente alcalino, la scomparsa o un piccolo numero di cellule di Doderlein (lattobacilli).

Trattamento della vaginite batterica

Nel trattamento, gli antibiotici (ornidazolo, metrogil, clindamicina) vengono utilizzati in compresse o supposte vaginali per una settimana. Quindi la normale microflora vaginale viene ripristinata usando eubiotici (bifidumbacterin, vagilac, acylact, lactobacterin).

Terapia vitaminica indicata per il rafforzamento generale del corpo..

Vaginite aspecifica

Vaginite non specifica - infiammazione causata da microrganismi (streptococchi, Escherichia coli, organismi anaerobici, stafilococchi), nonché insorgenza sotto l'influenza di vari fattori ambientali meccanici, termici, chimici.

I pazienti sono preoccupati per prurito e bruciore nella vagina, secrezione purulenta, dolore durante i rapporti sessuali. La diagnosi viene fatta durante un esame ginecologico: l'infiammazione delle pareti della vagina può essere espressa in vari gradi, fino alla formazione di ulcere nei casi più gravi. La malattia può diventare cronica..

Trattamento della vaginite non specifica

Nel trattamento della vaginite non specifica, vengono utilizzati gli stessi farmaci antibatterici, insieme a douching 1-2 volte al giorno con soluzioni antisettiche (diossidina, betadina, miramistina, clorexidina). Successivamente, viene indicato l'uso di eubiotici che ripristinano la normale microflora della vagina.

Vaginite da lievito

La candidosi vaginale è la malattia infiammatoria più comune della vagina e l'agente causale è il lievito microscopico del genere Candida. Si sviluppa sullo sfondo di un uso prolungato di antibiotici, ormoni, citostatici, riduzione dell'immunità (con diabete, tubercolosi, ecc.)

Ci sono candidosi acuta (con una durata fino a 2 mesi) e ricorrenti croniche (rispettivamente, con una durata più lunga della malattia).

Manifestazioni cliniche: prurito e bruciore nella vagina, caratterizzati da secrezioni "cagliate" dal tratto genitale. Spesso si uniscono i fenomeni di disuria (minzione dolorosa e frequente). Le "bolle" si formano sulla pelle perineale, che successivamente esplode, dopo di che si forma l'erosione (ulcere superficiali).

Trattamento della vaginite candidale:

  • farmaci antifungini sotto forma di compresse vaginali, crema, supposte (econazolo, clotrimazolo, isoconazolo, nifuratel, ginofort, ketoconazolo, ecc.) per 7-8 giorni.
  • nel corso cronico del trattamento locale non è sufficiente, è necessario utilizzare preparati in compresse (fluconazolo, ketoconazolo).

Dopo il corso del trattamento, anche gli eubiotici hanno ripristinato la normale microflora. In parallelo, cercano di rafforzare l'immunità, correggere la patologia concomitante (monitorare attentamente la glicemia nel diabete, ad esempio).

Vaginite da Trichomonas

La vaginite con tricomoniasi si riferisce a malattie che vengono trasmesse attraverso il contatto sessuale. È comune. Sfortunatamente, non è sempre diagnosticato e adeguatamente trattato..

L'agente causale dell'infezione è Trichomonas vaginalis (un organismo protozoo a cellula singola), ha flagelli con cui può muoversi rapidamente. Trichomonas sopravvive scarsamente nell'ambiente, muore rapidamente a una temperatura di 40 ° C e oltre, asciugatura, disinfezione.

Le tricomonadi sono spesso trasmesse in combinazione con altre infezioni (clamidia, gonorrea, micosi, ureaplasmosis). Pertanto, spesso parlano di un misto protozoico - infezione batterica..

I microrganismi riducono la motilità degli spermatozoi, quindi questa infezione può causare infertilità.

La via dell'infezione è prevalentemente sessuale. A volte c'è un modo domestico quando si usano asciugamani comuni, biancheria da letto. Alla nascita, il bambino viene infettato mentre passa attraverso la vagina infetta della madre.

La tricomoniasi fresca è isolata - la durata della malattia è fino a 2 mesi (c'è acuto, subacuto e basso sintomo), cronica (con una durata più lunga della malattia) e trasporto, quando il processo patologico nella vagina non si sviluppa, ma l'infezione può essere trasmessa attraverso il contatto sessuale.

Il periodo di incubazione varia da pochi giorni a un mese. La luminosità del quadro clinico dipende dall'attività dell'agente patogeno e dalle difese dell'organismo.

Più spesso, i pazienti sono disturbati da disagio, prurito e bruciore nella vagina, scarico spumeggiante giallo - grigio in grandi quantità. Con un sintomo basso e una forma cronica, i reclami non sono espressi o sono completamente assenti.

La vaginite da Trichomonas viene diagnosticata mediante esame negli specchi, ma il principale è un esame microscopico di strisci, in cui viene rilevato l'agente patogeno.

Lo studio deve essere condotto prima di assumere farmaci specifici.

Trattamento della vaginite da Trichomonas

Anche la vaginite da Trichomonas deve essere trattata con un partner sessuale. La terapia viene eseguita con antimicrobici (metronidazolo, tinidazolo, ornidazolo). Se il corso del trattamento è inefficace, il farmaco viene modificato o la dose viene aumentata.

In caso di una forma cronica mal risposta della malattia, viene prescritto il vaccino Solkotrichovac, che comprende varietà speciali di lattobacilli. Dopo aver usato il vaccino, nel corpo vengono prodotti anticorpi che distruggono Trichomonas. Parallelamente, la microflora della vagina viene normalizzata e si forma un'immunità a lungo termine. Con una terapia efficace, i disturbi scompaiono, l'agente patogeno non viene rilevato negli strisci.

Vaginite e gravidanza.

Se stai pianificando una gravidanza, quindi, ovviamente, devi eliminare tutti i fuochi dell'infezione nel corpo. Inoltre, è necessario disinfettare i genitali attraverso i quali nascerà il bambino. Inoltre, l'infezione può diffondersi dalla vagina sopra, causare infezione intrauterina del feto, che può portare a molte complicazioni: dall'interruzione della gravidanza in vari momenti, fino a quando il feto sviluppa anomalie e addirittura porta alla morte morta.

Naturalmente, quando una donna ha lamentele (dolore, perdite vaginali con un odore sgradevole, prurito, ecc.), Molto spesso i pazienti si rivolgono a un ginecologo e ricevono il trattamento necessario. Ma va ricordato che l'infiammazione vaginale (vaginite) può verificarsi impercettibilmente - o asintomaticamente, quindi, prima di una gravidanza tanto attesa, sarà consigliabile passare strisci dalla vagina e dall'uretra per un esame microscopico.

E se vengono rilevati microrganismi patogeni, è necessario sottoporsi a un corso di terapia antimicrobica e quindi ripetere lo studio. Più spesso, il trattamento è abbastanza efficace e puoi iniziare una nuova e importante fase della tua vita, come avere un bambino sano!

Prevenzione della vaginite

Per prevenire la comparsa di vaginite, è necessario regolare lo sfondo ormonale durante la menopausa. Inoltre, si dovrebbe prestare particolare attenzione alle donne che soffrono di patologia ovarica..

Assicurati di interrompere la trasmissione di batteri patogeni. Per un rapporto sessuale occasionale, usa un preservativo. Fai la doccia con Miramistin dopo aver contattato un nuovo partner.

Usa prodotti per l'igiene delicata, assicurati che siano adatti al tuo corpo e non causino allergie e irritazioni. Il douching dovrebbe essere fatto solo se necessario. Cambio degli elettrodi durante le mestruazioni almeno ogni 4 ore.

Vaginosi batterica

La vaginosi batterica (gardnerellosi) è una malattia infettiva del sistema riproduttivo femminile. Ha un'origine polimorfica, ma l'essenza della patologia è un cambiamento nella microflora della vagina. Si sviluppa sullo sfondo di proprietà protettive ridotte del corpo. La malattia procede in forma latente, non caratterizzata da sintomi gravi. La differenza dalla vaginite è l'assenza di segni di un processo infiammatorio. Il sintomo predominante è una scarica abbondante dal tratto genitale. Un ginecologo è coinvolto nel trattamento della patologia, a cui una donna dovrebbe consultare prima dello sviluppo di complicanze.

Cos'è

Lo sviluppo della gardnerellosi colpisce le donne in età riproduttiva. Pertanto, la causa della malattia è spesso associata alla trasmissione sessuale. L'ambiente fisiologico della vagina è acido. È con tale microflora che i patogeni patogeni, penetrati nei canali genitali, non possono avere un impatto negativo sulla salute.

L'ambiente naturale della vagina è rappresentato dai lattobacilli, bastoncini corti e spessi che dissolvono il glicogeno. Le cellule non sono visibili visivamente: il loro numero può essere determinato solo al microscopio. Per mantenere un livello di pH stabile, la concentrazione di lattobacilli dovrebbe essere almeno del 98%. La vaginosi batterica è una malattia polimicrobica..

Una riduzione spontanea del livello di acidità vaginale e del numero di lattobacilli non è causata da un singolo patogeno, ma da una combinazione di questi. La definizione di "vaginosi batterica" ​​è spiegata dalle caratteristiche dello sviluppo della malattia. Il processo patogeno procede con la partecipazione di un gran numero di microflora aerobica e anaerobica. Una caratteristica della patologia è l'assenza di leucociti (cellule che sono elevate solo con l'infiammazione).

Come si sviluppa

La sostituzione dell'ambiente fisiologico della vagina con microrganismi patogeni avviene sotto l'influenza di una vasta gamma di fattori avversi. Sono associati a precedenti interventi sugli organi del sistema riproduttivo, sullo stile di vita e sulle caratteristiche nutrizionali..

Dal momento in cui la microflora vaginale cambia (dopo che la gardnerella vi entra) e fino alla comparsa dei primi segni, possono essere necessari da diversi giorni a 2-3 mesi o anche sei mesi. In casi estremamente rari, il periodo di incubazione è durato più di 1 anno. In questa materia, il fattore determinante è lo stato di immunità di una donna. Più deboli sono le proprietà protettive del corpo, più sono evidenti i sintomi della patologia e prima si manifesta.

Fattori di rischio

Con un alto grado di probabilità, la vaginosi batterica si sviluppa nelle donne per le quali è rilevante:

  1. Stress frequenti, problemi di stato psicoemotivo
  2. Recentemente trasferiti interventi chirurgici o procedure diagnostiche strumentali sugli organi del tratto urogenitale
  3. Neoplasie cistiche negli organi del sistema genito-urinario (indipendentemente da quantità, dimensioni, localizzazione, causa dello sviluppo)
  4. Uso di farmaci contenenti nonoxynol-9 (ad esempio, Patentex ovale, Nonoxynol)
  5. Condizione dopo la recente nascita (particolarmente gravata)
  6. Indossa biancheria intima in tessuto sintetico
  7. La formazione del ciclo mestruale (il periodo di alterazioni ormonali influisce negativamente sulle condizioni della mucosa vaginale, rendendola vulnerabile)
  8. Uso incontrollato o irragionevolmente prolungato di farmaci ormonali, antinfiammatori e antifungini. Ciò è particolarmente vero per l'uso di antibiotici..
  9. Radiazioni o chemioterapia trasferite (per malattie tumorali)
  10. Cattiva alimentazione, diete estenuanti
  11. Uso di detergenti di bassa qualità

Il gruppo a rischio per lo sviluppo della gardnerellosi comprende le donne che troppo spesso colpiscono, non eseguono procedure igieniche e sono super raffreddate. Intolleranza al lattice, ipersensibilità ai lubrificanti, creme spermicide influenzano negativamente le condizioni della mucosa vaginale.

Sintomi

I principali segni dello sviluppo della vaginosi batterica:

  1. Secrezione vaginale. Sono caratterizzati da un forte odore di pesce, una tonalità giallo-verde e abbondanza (il loro numero è 20 volte superiore al normale). La consistenza è spessa, appiccicosa, schiumosa. La secrezione è migliorata dopo il rapporto sessuale, irrigazioni, mestruazioni.
  2. Grave dolore durante il rapporto sessuale, che chiede di fermarlo. Il disagio è acuto, brucia in natura, rimane per un certo tempo dopo l'intimità.
  3. Sensazioni spiacevoli durante la minzione (dolore, irritazione all'interno dell'uretra).
  4. Insonnia, sensazioni spiacevoli nell'addome inferiore durante le mestruazioni, non correlate al ciclo.
  5. Un forte odore di pesce putrido dalle urine, un cambiamento nel suo colore.

Durante l'esame, non si osserva il colore delle mucose della vagina segni caratteristici del processo infiammatorio (edema, arrossamento). La temperatura corporea rimane entro i limiti normali, inoltre non ci sono lamentele sui segni tipici di intossicazione (brividi, debolezza). Pertanto, senza sospettare la presenza della malattia, la donna non va dal medico o lo fa in ritardo.

Le cause

Gli specialisti identificano le seguenti cause dello sviluppo della vaginosi batterica:

  • Cambiamenti nei livelli ormonali. Osservato durante la pubertà, la gravidanza, la menopausa, dopo l'aborto.
  • Disbiosi intestinale (violazione della sua microflora naturale). Si sviluppa a causa di infiammazione dell'intestino crasso o tenue, intossicazione. La violazione della microflora contribuisce al rispetto di una dieta estenuante, alla fame.
  • Cambiamenti atrofici della mucosa vaginale (si verificano principalmente durante la menopausa).
  • Uso continuo durante le mestruazioni esclusivamente tamponi. Contribuiscono alla stasi intravaginale del sangue, creano una condizione favorevole per l'infiammazione.
  • La presenza di diabete mellito forma scompensata. La patologia contribuisce all'irritazione regolare della mucosa vaginale.

Il rischio di sviluppare gardnerellosi aumenta se una donna conduce una vita sessuale irregolare, usa il dispositivo intrauterino per troppo tempo. La fonte di infiammazione presente nel corpo aumenta la probabilità di una malattia infettiva.

Gradi

In ginecologia, viene utilizzata una certa classificazione della vaginosi batterica. In base a ciò, in base alla gravità delle manifestazioni sintomatiche, la malattia si divide in un tipo compensato, subcompensato e clinicamente pronunciato.

compensata

È caratterizzato dall'assenza di lattobacilli nella vagina, che crea il rischio di sostituire la microflora naturale con agenti patogeni. Tali indicatori non si applicano a una condizione patologica. Spesso sono associati a un trattamento igienico eccessivamente approfondito del tratto genitale prima di una visita dal ginecologo. In particolare, se una donna ha usato farmaci antisettici o detergenti altamente concentrati per purificare la sua area intima. Inoltre, la vaginosi batterica di questo tipo si verifica nelle neoplasie oncologiche - a causa delle radiazioni e della chemioterapia.

Subcompensated

È caratterizzato da una diminuzione del numero di lattobacilli, che indica una violazione della microflora naturale della vagina. Non si osservano edema e arrossamento della mucosa del tratto genitale. Pertanto, le modifiche possono essere rilevate solo in laboratorio. Globuli bianchi - 15-20 nel campo visivo, che si riferisce a un grado moderato. Altri aumenti della flora microbica.

Sullo sfondo della leucocitosi, compaiono le cosiddette cellule "chiave". Il loro numero è fino a 5 nel campo visivo. I principali sintomi di questo grado di candidosi vaginale sono prurito, dolore durante l'intimità. Inoltre, c'è un aumento delle perdite vaginali, la comparsa di un odore sgradevole da parte loro.

Clinicamente pronunciato

È caratterizzato dalla completa assenza di lattobacilli e dalla presenza di anaerobi. Quando si studia uno striscio al microscopio, le cellule "chiave" occupano l'intero campo visivo dell'assistente di laboratorio. Le principali manifestazioni della condizione sono un gran numero di perdite vaginali, prurito all'interno del tratto genitale. La secrezione patogena, il cui volume aumenta dopo il rapporto sessuale, attacca le pareti della vagina.

Caratteristiche nelle donne in gravidanza

La vaginosi batterica è una delle malattie, considerato il pericolo per il feto, i ginecologi raccomandano uno studio preliminare dettagliato. Le principali conseguenze della malattia per il bambino e la gestante:

  1. Danno intrauterino al feto. Le conseguenze dell'impatto della flora patogena sul bambino sono anomalie del suo sviluppo. Si verifica una posa errata degli organi - in particolare il cuore, il tubo neurale, il sistema muscolo-scheletrico, le ossa del cranio.
  2. Aborto spontaneo. Il processo infettivo stimola i crampi uterini, che contribuisce al rigetto dell'ovulo. I primi segni della condizione sono il dolore nell'addome inferiore, la comparsa di una scarica sanguinolenta dal tratto genitale.
  3. Congelamento fetale La vaginosi batterica è un processo patologico che influisce negativamente sul feto in via di sviluppo. L'infezione contribuisce alla violazione dell'afflusso di sangue al bambino, causa la sua intossicazione, che comporta la morte intrauterina. I primi segni della condizione sono il dark spotting dal tratto genitale, un aumento della temperatura corporea ad alti numeri. Durante un esame ginecologico, viene stabilita una discrepanza tra le dimensioni dell'utero e la gravidanza.

Spesso, la vaginosi batterica può causare polidramnios o mancanza d'acqua, insufficienza istmico-cervicale, insufficienza placentare. Le complicanze della gardnerellosi sono l'inizio prematuro del parto o l'infezione del bambino durante il suo passaggio attraverso il canale del parto. Nel 2% dei casi, la presenza di vaginosi batterica è associata allo sviluppo della preeclampsia durante la gravidanza e alla rottura prematura delle membrane.

Se la patologia si è manifestata durante la gravidanza, la condizione diventa più complicata a causa di problemi con la selezione del trattamento. La difficoltà è che gli antibiotici e altri farmaci antinfiammatori sono controindicati durante la gestazione.

Possibili complicazioni

La vaginosi batterica può causare uretrite, cistite, colpite, cervicite, nei casi più aggravati: endometrite. Viene elencata l'infiammazione della vescica, dell'uretra, della vagina, del canale cervicale e dello strato interno dell'utero. A causa dell'infiammazione cronica e spesso nascosta di questi organi, si sviluppa infertilità, ma anche il rischio di una gravidanza extrauterina è elevato. La violazione dell'ambiente vaginale verificatasi durante la gestazione aumenta il rischio di gravi complicanze.

Quale medico contattare

Il trattamento della vaginosi batterica viene eseguito da un ginecologo. Ma la causa determinante è la causa principale della patologia. Se la malattia è causata dal diabete mellito, sarà richiesta una chiamata aggiuntiva all'endocrinologo. Con la relazione della vaginosi batterica con le infezioni sessuali, è necessario un appello a un venereologo. Se la gardnerellosi è una conseguenza della disbiosi intestinale, è necessario consultare un gastroenterologo.

Diagnostica

Inizialmente, il medico conduce un sondaggio e un esame del paziente. Dall'anamnesi apprende della presenza di problemi digestivi, un cambiamento nel partner sessuale, l'uso di nuovi prodotti intimi. Anche una storia ostetrica non ha poca importanza: devi dire al tuo medico se insorgono complicazioni durante la gravidanza o il travaglio. Durante l'esame su una sedia ginecologica, non vengono rilevati segni di infiammazione.

Lo scopo dell'esame è quello di escludere la presenza di malattie con sintomi simili e quindi determinare il grado di danno d'organo e la presenza di complicanze. Segni simili nel corso di ureaplasmosis, mughetto (candidosi vaginale), tricomoniasi. L'esame del paziente consente di differenziare facilmente la patologia infettiva. Insieme standard di procedure diagnostiche:

  1. Esame microscopico di uno striscio dalla vagina. Il tipo di esame più indicativo. Rileva tutti i cambiamenti nella microflora vaginale.
  2. Test della glicemia, parametri clinici e biochimici generali.
  3. L'analisi delle urine è generale (nel campione viene rilevato un gran numero di globuli bianchi).
  4. Esame batteriologico delle urine (coltura).
  5. Diagnostica PCR (identificazione dell'agente patogeno - gardnerell).

Già sulla base dei risultati dello striscio, diventa chiaro che la microflora della vagina è rotta. È accertato che i batteri dell'acido lattico sono quasi assenti, il livello dei leucociti corrisponde alla norma o la supera leggermente, il pH delle secrezioni è superiore a 4,5. Nel 95% dei casi, è sufficiente chiarire il quadro clinico dei tipi di esame elencati.

Ulteriori tipi di diagnosi dipendono dalle caratteristiche della causa principale dello sviluppo della vaginosi batterica. È possibile che sia necessaria un'ecografia della cavità addominale e degli organi pelvici. La diagnosi viene effettuata alla vigilia del trattamento, 2 settimane dopo l'inizio e 1 mese dopo il suo completamento.

Trattamento

La Gardnerellosi non è trattata in modo operativo - un approccio abbastanza completo, ma conservatore. Oltre a eliminare il patogeno infettivo, è necessario ripristinare il pH della vagina. A lungo termine, il recupero non ha poca importanza per il rafforzamento delle capacità immunitarie del corpo.

Per interrompere la vaginosi batterica, al paziente viene prescritto:

  1. Uso di un farmaco antinfiammatorio (delle opzioni elencate di seguito, 1 o 2 è prescritto). Metronidazole (Trichopolum) 1 etichetta. 2 p. al giorno, la durata del corso terapeutico è di 10 giorni. Clindamicina (150 mg) - 1 compressa. 4 p. al giorno. La durata del trattamento è di 1-1,5 settimane. Tiberal (500 mg) - 1 compressa. due volte al giorno, fino a 5 giorni consecutivi.
  2. L'uso di supposte vaginali con effetti antinfiammatori, antifungini e antibatterici. Questi includono Vagisept, Terzhinan, Wagiferon. Assegna l'introduzione di 1 candela 1 p. al giorno, dopo un'accurata igiene intima. Il corso terapeutico è di 10 giorni.
  3. Recupero della microflora intestinale. Assegna Linex (2 capsule 3 r. Al giorno, 3 settimane consecutive) o Hilak Forte (1 cucchiaino. Per 100 ml di acqua 3 r. Al giorno, 3 settimane).
  4. Terapia vitaminica. I farmaci del gruppo B vengono somministrati singolarmente o sotto forma di complessi (Neurobeks, Neurorubin si riferisce a loro). Corso terapeutico soggetto a iniezione intramuscolare di farmaci - 10 giorni.
  5. Nutrizione dietetica. Rifiuto di usare prodotti dolci, acidi, piccanti, salati, affumicati, piatti. È vietato assumere alcol e caffeina. Se la vaginosi batterica è causata dalla disbiosi intestinale, i cibi spazzatura includono cibi fritti e grassi, legumi.

Dopo l'interruzione dei microrganismi patogeni, viene mostrata la normalizzazione della microflora vaginale dovuta all'uso di farmaci come Lactonorm, Bifidumbacterin, Acylact. Vaginorm, Lactogel o i loro analoghi vengono somministrati per via vaginale.

Durante il trattamento, è necessario osservare il riposo sessuale. È altrettanto importante attuare integralmente le misure di igiene (soprattutto dopo essere andato in bagno e durante le mestruazioni). Va ricordato che la vaginite batterica può infettare un uomo durante l'intimità, causando complicazioni per la salute sessuale del partner. Pertanto, deve sottoporsi a un trattamento allo stesso tempo, rivolgendosi a un urologo.

previsione

Se elimini non solo la gardnerellosi, ma anche la ragione del suo sviluppo, la prospettiva di ripristinare lo stato di salute è favorevole. Quando la patologia segue un corso protratto, la funzione riproduttiva della donna è a rischio. In generale, la malattia può essere facilmente eliminata, ma a condizione che il trattamento venga effettuato da un medico e il paziente segua tutte le sue raccomandazioni.

Prevenzione

Per evitare lo sviluppo della vaginosi batterica, le seguenti raccomandazioni aiuteranno:

  • L'uso di vitamine (soprattutto durante la bassa stagione)
  • Protezione sottoraffreddamento
  • Mantenere una vita sessuale decente
  • Alleviare lo stress
  • Eliminare l'uso dell'aborto come metodo ottimale di controllo delle nascite
  • Prevenzione della costipazione - rifiuto di mangiare cibo secco, nutrizione frazionata
  • Selezione di un metodo contraccettivo alternativo (con intolleranza al lattice)
  • Correzione tempestiva della microflora intestinale
  • Misure igieniche complete
  • Normalizzazione dei livelli di glucosio nel sangue, visite regolari a un endocrinologo (con una predisposizione ereditaria al diabete)
  • Un approccio valido all'uso di beni intimi
  • Rifiuto dell'atteggiamento sperimentale nei confronti della selezione di prodotti per l'igiene

L'uso eccessivo di tamponi durante le mestruazioni provoca irritazione della mucosa vaginale. Pertanto, si consiglia di utilizzare periodicamente le guarnizioni. È altrettanto importante eliminare tempestivamente le malattie del tratto urogenitale, evitando che le patologie diventino croniche. Dovresti anche affrontare in modo adeguato il problema del douching, l'assunzione di droghe.

La vaginosi batterica è una patologia ginecologica di origine polimorfica, che viene eliminata senza chirurgia. Anche con un approccio conservativo, il trattamento dovrebbe essere completo - oltre alle prescrizioni mediche, includono dieta, igiene e riposo sessuale. La patologia causa complicazioni solo in caso di disattenzione prolungata alla salute. In particolare, quando una donna non visita un ginecologo per lungo tempo e non è a conoscenza della presenza di una malattia. Se la patologia è causata da disturbi endocrini o gastrointestinali, dovrai visitare i medici di questi profili.

Vaginosi batterica

Informazione Generale

La vaginosi batterica è anche chiamata gardnerellosi ed è una malattia infettiva non infiammatoria. La principale manifestazione della patologia è una forte diminuzione o completa assenza di lattoflora, nonché la sua sostituzione con una comunità di associazioni polimicrobiche con gardnerella (Gardnerella vaginalis) e microrganismi anaerobici. La loro concentrazione all'interno della vagina può raggiungere centinaia di miliardi di elementi formanti colonie o genomici per 1 ml, separati vaginalmente. Esiste un'ampia varietà di tipi di microrganismi che avviano la vaginosi batterica, ma a causa dell'assenza di leucociti nell'ambiente vaginale che causano reazioni infiammatorie, la terminologia esclude il concetto di vaginite.

Secondo l'ICB-10 (classificazione internazionale della decima revisione), alla vaginosi batterica o altrimenti alla gardnerellosi viene assegnato il codice B96 e denominato come altri agenti batterici specifici che causano la malattia.

Dettagli di Gardnerella vaginalis

I batteri Gardnerella furono scoperti dal batteriologo americano Gardner tedesco nel 1955. Sono anaerobi facoltativi e sono costantemente presenti nella microflora della vagina delle donne mature. Lo sviluppo della gardnerellosi distrugge i rappresentanti della normale microflora. Normalmente assente nel corpo maschile, ma se ritardato, l'uomo diventa portatore di gardnerellosi ed è in grado di infettare una donna in caso di sesso non protetto.

Microfotografie di Gardnerella vaginalis

patogenesi

Normalmente, nelle donne in età sessuale (in media 16-42 anni), la biocenosi vaginale consiste principalmente (95%) di lattobacilli microaerofili, precedentemente chiamati bacilli di Doderlein. Inoltre, la microflora vaginale è rappresentata da vari tipi di bacilli gram-positivi (Lactobacillus, Eubacterium, Corynebacterium, Propionibacterium, Bifidobacterium, Clostridium), Grilli negativi obbligati anaerobi bacilli (Bacteroides, Porphyococcus, Leptobcius, Levepotocco Peptostreptococcus, Streptococcus viridians, Staphylococcus, ecc.), Cocchi gram-negativi (Acidominococcus fermentans, Veilonella, Neisseria non patogena), enterobatteri (Enterobacter, Echerihia coli, Klebsiella, Citrobacter, ecc.).

La funzione principale dei lattobacilli nella colonizzazione della mucosa vaginale è la formazione di una barriera ecologica e, di conseguenza, la resistenza (stabilità) della microflora vaginale. L'implementazione delle proprietà protettive dei lattobacilli viene realizzata in vari modi, tra cui:

  • attività antagonistica;
  • produzione di lisozima;
  • proprietà adesive;
  • e, soprattutto, il rilascio di perossido di idrogeno e la formazione di acidi.

Normalmente, l'ambiente della vagina dovrebbe avere una reazione acida (il valore del pH è compreso tra 3,8 e 4,5) a causa dell'acido lattico risultante (prodotti metabolici dei batteri dell'acido lattico). Quando il pH nella vagina diminuisce, viene rappresentata la crescita della microflora patogena e condizionatamente patogena, spesso rappresentata da streptococchi, micoplasmi e ureaplasmi, obbliga gli anaerobi (batteroidi, peptococchi) e molto spesso il 95% da gardnerella. Sono i più patogeni, poiché portano alla comparsa di biofilm, aumentano il rischio di infezione da HIV, colonizzazione e infezioni del tratto urinario e sono in grado di aderire sulla superficie delle cellule epiteliali e la produzione di varie citotossine, ad esempio vaginolisina, enzimi mucolitici ed emolisina.

La violazione dell'equilibrio del biotopo vaginale sotto l'influenza di eventuali fattori esterni e interni riduce la densità di contaminazione della mucosa con i lattobacilli all'interno della vagina. In questo caso, vengono sostituiti da microrganismi anaerobici anaerobici e facoltativi, che nel corso della loro vita emettono acidi grassi volatili e amminocarbossilici. Quando vengono suddivisi in derivati ​​volatili di ammoniaca - cadaverina e putrescina, la composizione delle secrezioni vaginali cambia, il che conferisce loro uno sgradevole odore repulsivo. Con la bacagnosi, non si verifica una reazione infiammatoria e, di conseguenza, il numero di leucociti non aumenta..

La persistenza a lungo termine dell'infezione nel tratto genitale e le frequenti ricadute della vaginosi batterica sono generalmente causate dalla formazione di un biofilm sulle pareti della vagina. Il biofilm interrompe i processi autorigeneranti della microecologia vaginale e, con la vaginosi batterica ricorrente, spesso persiste anche dopo un trattamento efficace e l'eliminazione di altri segni clinici.

Classificazione

A seconda della presenza di manifestazioni, la vaginosi batterica è asintomatica e con presenza di manifestazioni cliniche. Si distinguono anche forme come la vaginosi batterica (gardnerellosi) del tratto genitale superiore, il tratto urogenitale delle donne, il tratto urogenitale degli uomini e la gardnerellosi delle donne in gravidanza.

Cause di vaginosi batterica

Nonostante la resistenza fornita dai lattobacilli, la microflora vaginale è molto variabile e può essere influenzata da molti fattori esogeni ed endogeni. Le principali cause della vaginosi batterica:

  • cambiamenti ormonali a base fisiologica, tra cui gravidanza, adolescenza (pubertà), menopausa;
  • una storia di malattie infiammatorie del sistema riproduttivo;
  • disturbi o singole fasi del ciclo mestruale che aprono la faringe, causano l'assenza di un tappo mucoso, la presenza di un mezzo nutritivo, la predominanza di batteri anaerobici;
  • vita sessuale (frequenza, livello di attività, presenza di un partner sessuale costante);
  • ipotermia;
  • errori di alimentazione;
  • terapia ormonale;
  • l'uso di antibiotici (prolungati e incontrollati);
  • uso di contraccettivi orali;
  • operazioni chirurgiche;
  • malattie intercorrenti, tra cui diabete, obesità, anemia, immunodeficienza, ecc..

Tutti questi fattori - insieme e separatamente portano allo sviluppo della vaginosi batterica - una significativa riduzione del numero di lattobacilli nell'ambiente vaginale, che provoca la colonizzazione della vagina Gardnerella vaginalis e altri microrganismi associati (circa 200 specie). I fattori predisponenti sono anche considerati bassi standard di vita, alcolismo, stress frequenti, poligamia e altri "errori" nella vita sessuale (debutto precoce, sesso non tradizionale, coito durante le mestruazioni, ecc.)

Inoltre, i motivi possono risiedere nell'uso di un dispositivo intrauterino per un lungo periodo di tempo, pertanto, per prevenire e rilevare tempestivamente la malattia quando si utilizza questo tipo di contraccezione, è necessario sottoporsi periodicamente a un ginecologo.

Sintomi di vaginosi batterica

I principali sintomi della vaginosi batterica sono abbondanti perdite vaginali, generalmente caratterizzate da un colore bianco o grigiastro, molto spesso con un odore sgradevole che ricorda il pesce e probabilmente prurito. La quantità di dimissione può aumentare prima del regolamento o dopo il completamento del rapporto sessuale. Possono essere schiumosi e possono essere rimossi dalla mucosa usando un dischetto di cotone.

Altri sintomi: la violazione della minzione e l'insorgenza di dolore durante il rapporto sessuale sono generalmente causati da malattie concomitanti. Tuttavia, molto spesso la vaginosi batterica è asintomatica, nella metà dei casi con ricadute, indipendentemente dalla tattica e dal successo del trattamento..

I primi segni allarmanti stanno tirando dolore nell'addome inferiore, sanguinamento mestruale pesante, febbre lieve e diminuzione della libido. Se viene identificato uno di questi sintomi, contattare immediatamente un medico di famiglia..

Test e diagnostica

Per la diagnosi della vaginosi batterica, è sufficiente identificare il DNA di gardnerella e altra microflora patogena in studi biologici molecolari, ma criteri come:

  • I criteri di Amsel (devono essere soddisfatte 3 condizioni su 4) tengono conto delle manifestazioni cliniche della patologia: presenza di secrezioni omogenee grigio-bianche, odore "di pesce", aumento del pH superiore a 4,5 e identificazione di cellule "chiave" nello studio dei farmaci nativi.
  • Il "Gold Standard" per la diagnosi della vaginosi batterica è il punteggio di Nugent, che tiene conto dei risultati della microscopia a striscio e del rapporto dei morfotipi, uno stato normale è considerato se il punteggio è inferiore a 3 punti, 4-6 - il citogramma indica uno stato intermedio, più di 6 - patologia.
  • La scala Hay-Ayson valuta anche lo stato della microflora da 0 a 4, dove 0 indica l'assenza di cellule e batteri epiteliali, la terapia antibiotica potrebbe essere stata eseguita di recente, 1 è la norma, dominano i lattobacilli, 2 sono presenti microflora mista, gardnerella e possibilmente microrganismi anaerobi del genere mobilunkus, 3 - indica la vaginosi batterica in cui non vi sono praticamente lactobacilli e prevale la flora patogena, vengono rilevati 4 - cocchi gram-positivi e batteri del latte acido.

Trattamento della vaginosi batterica

Di solito, il trattamento viene effettuato a casa, a partire dall'uso di un antisettico come le supposte di Betadine, che eliminano la resistenza agli antibiotici.

Se vengono utilizzati farmaci combinati, il trattamento procede in due fasi: prima gli agenti antimicrobici e poi il ripristino della normale microflora vaginale. I seguenti farmaci sono più comunemente usati per trattare la vaginosi batterica:

  • antisettici, ad esempio Betadine;
  • agente di combinazione - Terzhinan;
  • preparati con sostanze attive della serie 5-nitroimidazolo, tra cui metronidazolo, secnidazolo, ornidazolo, ecc.;
  • lincosamidi, ad esempio clindamicina.

Le recensioni sul trattamento con questi farmaci sono positive, dopo che un corso scompaiono sintomi spiacevoli e non è necessario un ulteriore uso di probiotici. Tuttavia, in ogni secondo caso si verificano ricadute. I prebiotici, che sono in grado di stimolare la crescita della propria lattoflora vaginale, e non di quelli stranieri, stanno diventando molto popolari al momento. Inoltre, buoni risultati e raccomandazioni hanno farmaci che contengono acido lattico.

Le recensioni sui farmaci non possono sempre essere obiettive, poiché in ogni caso particolare si sviluppa una biocenosi unica e la sua suscettibilità alla terapia può differire in modo significativo, quindi è meglio se il regime di trattamento è selezionato da un medico qualificato che ha studiato la tua storia medica e la tua storia.

Trattamento della vaginosi batterica con rimedi popolari

I principali metodi di trattamento della vaginosi batterica con rimedi popolari sono l'uso di decotti e infusi di erbe per via orale verso l'interno e con il metodo di irrigazione. Molto spesso, i farmaci per il trattamento della vaginosi batterica in modo alternativo consistono nelle seguenti piante medicinali:

  • la corteccia di quercia è un mezzo eccellente per irrigare, basta una settimana di tali procedure con una soluzione preparata da 1 cucchiaio. in un bicchiere di acqua bollente (inoltre è necessario tenere per 10 minuti a bagnomaria, filtrare, insistere in un thermos per almeno 3 ore);
  • frutti di ciliegia di uccello - possono essere usati per preparare un decotto - 1 cucchiaio. frutti in 2 bicchieri d'acqua, cuocere per 20 minuti, quindi filtrare, raffreddare e utilizzare anche per la pulizia per 7 giorni;
  • Echinacea, Camomilla, Cinorrodo, Aloe, Noci - eccellenti additivi per il tè e le insalate che aiutano ad aumentare le difese dell'organismo e bilanciare lo stato microecologico della salute delle donne.

Vaginite batterica: cause, sintomi, trattamento e prevenzione

Le donne sperimentano periodicamente varie patologie ginecologiche. Le statistiche mostrano che la vaginite batterica è al secondo posto dopo la vaginosi batterica. Nessuno è al sicuro da questa malattia. Spesso si verifica nelle donne in età riproduttiva. Esistono alcuni fattori di rischio che aumentano la probabilità di vaginite. Devi conoscerli per cercare di prevenire l'insorgenza di patologie.

Qualche parola sulla malattia

La vaginite batterica è una malattia infettiva e infiammatoria che progredisce verso la vagina. Come altre malattie, questa patologia ha una forma acuta e cronica. Il processo infiammatorio nella vaginite è causato da microrganismi a trasmissione sessuale, ma allo stesso tempo possono abitare nella vagina di una donna in buona salute. Spesso, i sintomi della vaginite compaiono pochi giorni dopo un rapporto non protetto con un nuovo partner. Pertanto, molte donne pensano di aver acquisito la patologia in questo modo particolare, ma questa conclusione è un errore. Per capire quali sono esattamente le cause della vaginite batterica e quali sono le sue caratteristiche, è necessario scoprire la natura dell'origine della malattia.

Vaginosi o vaginite batterica?

Poche donne sanno qual è la differenza tra queste patologie. Molti sono confusi, chiamano vaginosi vaginite e viceversa. Nell'ufficio del ginecologo puoi anche sentire la parola "colpite", che si riferisce anche a queste malattie. Proviamo a capirli.

  • La vaginosi è una malattia non infettiva della vagina causata da uno squilibrio di batteri opportunistici e lattobacilli.
  • La vaginite è una patologia infettiva e infiammatoria causata dalla crescita di batteri opportunistici a causa dello sviluppo della vaginosi.
  • La colpite è la vaginite causata dalla moltiplicazione dei batteri nella vagina (tricomonas, streptococchi, stafilococchi e altri).

Sulla base di questo, possiamo dire che la vaginosi batterica è la causa della vaginite. È possibile distinguere i dati della patologia studiando i sintomi e conducendo la diagnostica di laboratorio. Solo uno specialista qualificato può determinare in modo affidabile una malattia femminile.

Ragioni per lo sviluppo della patologia

Quali sono le cause della vaginite batterica? Le ragioni per la progressione della patologia possono essere diverse. Ma tutti possono essere messi insieme e chiamati vaginosi batterica. Quindi, la ragione per lo sviluppo della vaginite batterica è uno squilibrio di microrganismi benefici e opportunistici con la rapida crescita di questi ultimi. Inoltre, altri batteri e funghi possono unirsi. In questo caso, la vaginite batterica avrà una caratteristica aggiuntiva, ad esempio la vaginite candidosa.

I fattori di rischio per lo sviluppo della malattia includono le seguenti circostanze:

  • frequente cambio di partner sessuale o vita intima promiscua;
  • riduzione della resistenza corporea dovuta a raffreddori frequenti;
  • assunzione di farmaci: antibiotici, glucocorticoidi o farmaci ormonali;
  • disturbi ormonali (ipofunzione ovarica, gravidanza, allattamento);
  • Malattie autoimmuni;
  • mancanza di igiene;
  • indossare biancheria intima e abbigliamento attillati;
  • uso di detergenti irritanti, bagni nei bacini pubblici, bagni con schiuma.

Vaginite durante la gravidanza

Durante il periodo di gravidanza, aumenta la probabilità di sviluppare vaginite batterica a causa di una diminuzione della difesa immunitaria e dell'aggiustamento ormonale. La malattia può influire negativamente non solo sul benessere di una donna, ma anche causare alcune complicazioni:

  • aborto spontaneo;
  • attaccamento del feto fuori dall'utero;
  • infezione da liquido amniotico;
  • nascita prematura;
  • infezione dell'embrione;
  • lungo periodo di recupero dopo il parto.

L'aborto artificiale può anche essere un fattore stimolante nella vaginite. La frequenza della sua insorgenza dopo il curettage ginecologico varia dal 30 al 50%.

Sintomatologia

I sintomi della vaginite batterica sono simili alle manifestazioni della vaginosi. La disbiosi vaginale non infiammatoria (vaginosi) è accompagnata da un'abbondante scarica grigio-biancastra, che ha un odore sgradevole di pesce. Soprattutto si intensifica dopo il contatto sessuale. Il fatto è che lo sperma ha un pH di 7, il che rende più bassa l'acidità della vagina. Per questo motivo, vengono rilasciate ammine che danno un odore sgradevole alle secrezioni. Con la vaginite sono presenti i seguenti sintomi:

  • lo scarico assume un colore giallastro e una consistenza più densa;
  • intenso prurito e bruciore;
  • il dolore nell'addome inferiore diventa più forte, specialmente durante il rapporto sessuale e le mestruazioni;
  • pareti vaginali infiammate.

La vaginite di origine batterica è spesso integrata dall'infiammazione dell'utero con appendici. Queste patologie hanno sintomi individuali che possono essere definiti una conseguenza della colpite..

Metodi diagnostici

I segni di vaginite batterica possono essere facilmente confusi con la vaginosi. Pertanto, per fare la diagnosi corretta, dovresti andare dal ginecologo. L'esame del paziente comprende diverse fasi.

  1. Intervista e presa di storia. Il medico studia le manifestazioni cliniche, le scrive sulla scheda in base al paziente. Assicurati di prendere in considerazione l'anamnesi. Forse questo non è il primo caso di vaginite, quindi possiamo parlare della forma cronica della malattia.
  2. Ispezione manuale Utilizzando specchi ginecologici, uno specialista studia le condizioni della mucosa vaginale e della cervice. Allo stesso tempo, il materiale viene prelevato per gli studi di laboratorio.
  3. L'analisi mostra la quantità minima di lattobacilli nello striscio e quelli che lo sono - non producono perossido di idrogeno. C'è anche un aumento dei globuli bianchi (che non è il caso della vaginosi batterica) e un sacco di CFU di batteri opportunistici.

Sulla base dei risultati di un esame completo, viene selezionata una tattica di trattamento specifica, individuale per ciascun paziente.

Come trattare la vaginite batterica?

La terapia dei processi infettivi e infiammatori nella vagina prevede l'uso integrato di farmaci.

  1. Antibiotici sistemici: sono prescritti in numerosi casi. Devono essere coerenti con la sensibilità dei microrganismi riproduttori..
  2. Antisettici locali, antibiotici e agenti antifungini - sempre usati, influenzano direttamente l'agente patogeno.
  3. Farmaci che ripristinano la microflora - probiotici orali o locali e prebiotici.
  4. Prodotti per il rafforzamento immunitario.

La prevenzione è importante nel trattamento della vaginite batterica e aiuta anche a prevenire la ricorrenza della malattia..

L'uso di antibiotici: farmaci sistemici e locali

Gli antibiotici per la vaginite batterica sono usati internamente e localmente. Spesso i medici prescrivono lo stesso principio attivo. Questa tecnica consente probabilmente di eliminare l'agente causale della malattia. La serie di imidazolo rimane un vantaggio: farmaci a base di metronidazolo.

  1. Supposte e gel metronidazolo vengono utilizzati in un ciclo di 10 giorni di 1-2 iniezioni al giorno. Le candele vengono posizionate preferibilmente al mattino e alla sera e il gel viene utilizzato prima di coricarsi. Un singolo dosaggio del farmaco è di 500 mg.
  2. Le supposte "Dalacin" o "Clindamicina" vengono utilizzate per tre giorni una volta. Non è consigliabile combinare questi fondi con farmaci simili nel metodo di utilizzo.
  3. Le compresse di Polygynax, Terzhinan e Makmiror Complex vengono utilizzate per 10-12 giorni prima di coricarsi. L'unicità di questi farmaci sta nel fatto che contengono ingredienti attivi combinati.
  4. Se viene diagnosticata la vaginite batterica, le compresse vengono prescritte con lo stesso metronidazolo: trichopolum o metronidazoleum. Il corso del trattamento varia da una a due settimane. Il medico può anche raccomandare le capsule di Naxojin, che vengono utilizzate per 5 giorni o assunte una volta. In alcuni casi, l'uso orale di droghe non è prescritto.

Trattamenti alternativi

Molti pazienti non riconoscono il trattamento con compresse e supposte per la vaginite batterica. Preferiscono costare rimedi popolari. Va subito detto che le conseguenze di tale auto-trattamento possono essere spiacevoli. Quindi, ad esempio, con il bagnetto, puoi trasferire l'infezione dalla vagina all'utero. All'udito nelle donne, i seguenti metodi di trattamento:

  • lavarsi con un decotto di iperico (far bollire 2 cucchiai per 2 litri di acqua per 10 minuti);
  • lavarsi con un decotto a base di corteccia di quercia, camomilla e salvia (mescolare gli ingredienti in proporzioni uguali e insistere in un litro di acqua bollente fino a completo raffreddamento;
  • bagno caldo di rami di pino (pre-bollire e insistere per un'ora).

Se hai la vaginite batterica, i rimedi popolari potrebbero non essere d'aiuto. La mancanza di miglioramento entro 5-7 giorni dovrebbe incoraggiarti a consultare un medico. Altrimenti, la patologia può assumere una forma cronica, che sarà praticamente impossibile da eliminare..

Prevenzione

La prevenzione della vaginite batterica comporta l'igiene personale, l'uso di asciugamani individuali e un frequente cambio di assorbenti igienici. Per non ammalarsi, è necessario escludere fattori che aumentano la probabilità di patologia. Non indossare biancheria intima attillata (perizoma, bikini), jeans attillati o pantaloncini. Durante le mestruazioni, è necessario cambiare regolarmente i tamponi, se li si utilizza. Una buona salute e una forte immunità ti aiuteranno a evitare la malattia. Per mantenerlo, mangiare bene, rinunciare a diete e alcol dannosi, praticare sport.

Per evitare una ricaduta precoce, al termine della terapia antibiotica, condurre un ciclo di ripristino della microflora vaginale. Per fare questo, il medico ti prescriverà i farmaci "Lactobacterin", "Acylact". Gli immunomodulatori possono essere raccomandati: Derinat, Kipferon e Vaginorm-S.

Riassumere

Il trattamento della vaginite batterica dura in media 1-2 mesi. Durante questo periodo, puoi eliminare l'agente patogeno e ripristinare le difese del corpo. I medici sconsigliano vivamente di ricorrere a metodi di trattamento alternativi. Affinché la terapia sia davvero efficace, devi prima fare dei test e scoprire cosa ha causato esattamente la malattia. Se noti sintomi di vaginite batterica, consulta il tuo ginecologo il prima possibile. Pertanto, ti proteggerai dalle spiacevoli conseguenze di questa malattia.

Articoli Sul Ciclo Di Abusi

È possibile dormire con un tampone di notte: i miti e la loro confutazione

Scopo dei tamponiIl sangue rilasciato durante le mestruazioni viene espulso attraverso la cervice nella vagina. Il tampone inserito, come una spugna, assorbe tutte queste secrezioni....

Perché disegna l'addome inferiore, come per le mestruazioni: ragioni

La qualità della vita di una persona dipende in gran parte dalle condizioni fisiche. Se anche un piccolo disagio - ostacola già la normale esistenza....

Le principali cause delle mestruazioni due volte al mese

Molte donne in età fertile almeno una volta nella vita affrontano un problema come le irregolarità mestruali. I guasti nel ciclo possono essere innescati da fattori completamente diversi....